Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | February 21, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Luke Jerram - Street Pianos: Play me, I'm yours

Luke Jerram – Street Pianos: Play me, I’m yours

| On 29, Gen 2015

Riunire comunità poco integrate fra loro facendo leva sull’auto-espressione e la creatività.

di Redazione Art Vibes


La mancanza di interazione tra persone che non si conoscono, nelle strade o nei luoghi pubblici, è un tratto caratteristico di una società come la nostra orientata sempre più ad un forte solipsismo.
L’artista britannico Luke Jerram, ispirato da queste quotidiane visioni, ha fatto irruzione nella vita di ignari cittadini grazie all’aiuto della musica e in particolar modo di un pianoforte.

L’idea di Play Me, I’m yours, è balenata osservando le persone all’interno di una comune lavanderia“, spiega Jerram. “Ho visto le stesse persone lì ogni fine settimana senza proferire parola l’un con l’altro. Improvvisamente mi resi conto che all’interno di una città, ci dovevano essere centinaia di comunità invisibili, e silenziose.
Il posizionamento di un piano in uno spazio pubblico poteva essere la soluzione a questo problema, agendo da catalizzatore per la conversazione, cambiando la dinamica di uno spazio.

Il progetto si è rivelato un enorme successo fin dall’inizio, Jerram nel 2008 ha installato per 3 settimane ben 15 pianoforti in tutta la città di Birmingham.
Si stima che circa 140.000 persone abbiano interagito con i pianoforti o ascoltato gli altri suonare. Da allora, oltre 1.000 Play Me, sono stati collocati in 38 città di tutto il mondo, raggiungendo un pubblico globale di circa 6 milioni di persone.

I pianoforti di strada, spesso dipinti con colori vivaci e disegni suggestivi di artisti locali, sono posizionati negli angoli più disparati: stazioni ferroviarie, piazze, mercati, o in altri contesti pubblici. Tutti, senza distinzione di razza, sesso o età, sono invitati a mostrare la loro abilità musicale.
Attraverso un flusso costante di interazione tra il suonatore, lo spettatore, e i cittadini di sfondo, i pianoforti sono riusciti nell’intento di riunire comunità poco integrate fra loro facendo leva sull’auto-espressione e la creatività.
Per maggiori informazioni vi raccomandiamo di visitare il sito ufficiale del progetto.


– via: dailygeekshow.com

– photo courtesy of: Grauen Studio

Luke Jerram – Street Pianos: Play me, I’m yours
 Street piano, Play me, I'm yours - Toronto, Canada, 2014
Toronto, Canada, 2014 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Kiev, Ukraine, 2014
Kiev, Ukraine, 2014 – via: source

 Street piano, Play me, I'm yours. New York, Central park
New York, Central park – via: source

 Street piano, Play me, I'm yours. Denver, Colorado, USA, 2011
Denver, Colorado, USA, 2011 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Kiev, Ukraine, 2014
Kiev, Ukraine, 2014 – via: source

Street piano, Play me, Toronto, Canada, 2012
Toronto, Canada, 2012 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Paris, France, 2013
Paris, France, 2013 – via: source

Street piano, Play me, Toronto, Canada, 2012
Toronto, Canada, 2012 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Denver, Colorado, USA, 2011
Denver, Colorado, USA, 2011 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Boston, Massachusetts, USA, 2013
Boston, Massachusetts, USA, 2013 – via: source

Street piano, Play me, I'm yours. Melbourne, Australia, 2014
Melbourne, Australia, 2014 – via: source

Luke Jerram – Street Pianos: Play me, I’m yours

Further reading:

– Luke Jerram website: lukejerram.com

– Street Pianos website: streetpianos.com


Submit a Comment