Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | May 30, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Ai Weiwei - “Life Jackets”, Québec City

Ai Weiwei – “Life Jackets”, Québec City

| On 16, Ago 2022

Un tappeto variopinto, un confine colorato, un artefatto della crisi dei migranti che ci mette di fronte ai viaggi di chi è pronto a fare tutto il necessario per sfuggire alla violenza della guerra.

di Redazione Art Vibes


Picture: Ai Weiwei – “Life Jackets“, Québec City. Photo credit: Stephane Bourgeois.


L’artivista umanitario Ai Weiwei è famoso per la sua pratica impegnata, iconoclasta e sovversiva la sua è un’azione che critica gli squilibri del potere economico, politico e sociale.

Considerato uno degli artisti viventi più importanti della scena internazionale, Ai Weiwei è stato nominato nel 2021 l’artista più influente al mondo dalla rivista Art Review. Il suo film documentario del 2017 Human Flow, sulle terribili condizioni dei rifugiati colpiti da guerre e disastri nel mondo, ha vinto ben 7 premi e 14 nomination ai festival cinematografici internazionali.

In questi mesi estivi ha ideato e dato vita a un’installazione presso la Royal battery di Québec City, un’opera che rientra nell’ampio ventaglio creativo della rassegna “Passages Insolites”. Migliaia di giubbotti i salvataggio ricoprono l’intero edificio, inscenando un’imbottitura protettiva o una barricata militare fortificata.

 

Ai Weiwei - Life Jackets, Québec City. Photo credit: Stephane Bourgeois
Ai Weiwei – Life Jackets, Québec City. Photo credit: Stephane Bourgeois

Tali dispositivi di galleggiamento personali sono proprio quelli usati da migliaia di profughi siriani in fuga verso l’Europa, recuperati dallo stesso artista nel 2016 sull’isola greca di Lesbo e protagonisti in altre occasioni in altre città del mondo. (“Soleil Levant” a Copenaghen, e #SafePassage a Berlino)

Life Jackets”, un tappeto variopinto, un confine colorato, un artefatto della crisi dei migranti che ci mette di fronte ai viaggi di chi è pronto a fare tutto il necessario per sfuggire alla violenza della guerra.

Il tema dell’installazione indaga la specificità della location all’interno del quale è stata concepita, ed evoca la storia locale facendo eco al passato migratorio della Nuova Francia. La Royal Battery è una struttura di difesa militare costruita dai francesi nel 1691 per contrastare le invasioni inglesi. Simbolo dei confini che ancora oggi governano la mobilità umana, la struttura architettonica intensifica il coinvolgimento dell’opera che la ricopre.

 

Ai Weiwei - Life Jackets, Québec City. Photo credit: Stephane Bourgeois
Ai Weiwei – Life Jackets, Québec City. Photo credit: Stephane Bourgeois

– website: passagesinsolites.com


Submit a Comment