Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | June 18, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

SOS Humanity. More Art - More Natural Culture - More Respect

SOS Humanity. More Art – More Natural Culture – More Respect

| On 25, Set 2023

Una mostra diffusa sul Lago d’Orta, un inno all’ecosostenibilità, dove l’arte esalta la bellezza naturale del luogo, ridisegnando il paesaggio, donandogli nuove sfumature estetiche ricche di contenuti e significati.

di Redazione Art Vibes


Picture: Helidon Xhixha, The Twin Bottles. Crediti fotografici Michele Dalla Palma.


Dal 30 settembre al 1° novembre 2023 sul Lago d’Orta la Fondazione Cavaliere del Lavoro Alberto Giacomini presenta la seconda edizione 2023 della mostra diffusa SOS Humanity.

Sei gli artisti coinvolti quest’anno: Helidon Xhixha, Omar Hassan, Sergio Floriani, Silvia Della Rocca, Simone Benedetto e Angelo Molinari. 27 le opere d’arte in mostra, disseminate tra gli scenari più suggestivi del Lago d’Orta, che gli artisti hanno realizzato e che dialogano con il territorio creando un elogio alla bellezza, unico nel suo genere.

Un inno all’ecosostenibilità, dove l’arte esalta la bellezza naturale del luogo, ridisegnando il paesaggio, donandogli nuove sfumature estetiche ricche di contenuti e significati. L’esposizione, come nella sua prima edizione, intende essere un grido provocatorio di denuncia e nel contempo di speranza, una profonda presa di coscienza del difficile momento storico e sociale che l’intera umanità sta vivendo, in bilico tra epidemie globali, guerre, emergenze climatiche, degrado sociale, morale e antropologico, inquinamento ambientale e delle menti.

 

Omar Hassan, Under The Chimneys. Crediti fotografici Michele Dalla Palma
Omar Hassan, Under The Chimneys. Crediti fotografici Michele Dalla Palma

SOS Humanity è un segnale di allarme lanciato all’Umanità e per l’Umanità, affinché possa prendere coscienza che è l’Uomo l’unico responsabile delle “emergenze” sociali e ambientali che stanno mettendo in discussione il nostro presente e il nostro futuro. A questo segnale di allarme, risponde l’Arte che, con il suo potente linguaggio universale, ha la capacità di stimolare la riflessione e sensibilizzare gli animi nei confronti di importanti temi sociali, innescando una scintilla di consapevolezza nelle menti.

La prima edizione di SOS Humanity – afferma Andrea Alessandro Giacomini – non solo ha sensibilizzato le persone verso i temi di emergenza ambientale e sociale attraverso il linguaggio universale dell’Arte, ma ha fatto molto di più, ha unito i valori dell’Arte a quelli dell’Ecosostenibilità e del Territorio.

Un legame che ha permesso, a sempre più persone, di conoscere e apprezzare il valore naturalistico, storico e culturale del Lago d’Orta, che ambisce ad essere un’oasi felice votata all’ecosostenibilità. A seguito di questo successo, la Fondazione Cavaliere del Lavoro Alberto Giacomini, quest’anno si è impegnata ulteriormente al fine di rendere ancora più solido e concreto questo importante legame”.

 

Silvia Della Rocca, Holistic Moon. Crediti fotografici Michele Dalla Palma
Silvia Della Rocca, Holistic Moon. Crediti fotografici Michele Dalla Palma

Helidon Xhixhan (Portrait – Essenza di Luce), Omar Hassan (Comignoli di Vita), Silvia Della Rocca (Alchimie tra Terra e Cielo), Sergio Floriani (Identità dell’Essere) e Simone Benedetto (Infanzia perduta), i 5 artisti che hanno partecipato alla prima edizione della mostra diffusa, tornano sul Lago d’Orta, ognuno portando un differente messaggio.

La Fondazione ha deciso sia di mantenere le opere della prima edizione, collocandole in altre location, per poterle ammirare da differenti prospettive e contesti, sia di proporre nuove opere che hanno creato diverse sinergie tra l’arte e i luoghi del lago. Angelo Molinari, artista locale di Ameno, partecipa invece per la prima volta al progetto artistico SOS Humanity, proponendo la sua visione del mondo attraverso le sue opere (Flussi cromatici).

In questa empatia estetica, il territorio diviene parte integrante delle opere, che a loro volta divengono parte del paesaggio, in un’interazione che celebra con armonia il connubio tra le forme dell’Arte e quelle della Natura.

Tutte le opere sono state posizionate in modo da rispettare il contesto ambientale in cui prendono nuova vita, apportando un valore aggiunto di significato e senso estetico.

 

Angelo Molinari, Il colore del lago sfiora la mia mente. Crediti fotografici Michele Dalla Palma
Angelo Molinari, Il colore del lago sfiora la mia mente. Crediti fotografici Michele Dalla Palma

Una esperienza artistica immersiva che intende emozionare e nel contempo far riflettere, coinvolgendo tutto il territorio del Lago d’Orta e le sue straordinarie unicità naturalistiche, storiche e architettoniche.

 

tre differenti momenti:

1. PORTRAIT: 10 straordinarie e imponenti sculture d’acciaio che dialogano con il lago e il territorio circostante dell’artista Helidon Xhixha che ha aperto l’edizione 2023.

2. FLOATING: opere galleggianti di Helidon Xhixha, Omar Hassan e Simone Benedetto, che si riflettono nelle acque limpide del Lago: da Pettenasco a Orta San Giulio, da Gozzano a San Maurizio d’Opaglio.

3. OXIGEN: opere collocate in diversi luoghi attorno al lago: tra spiagge, giardini e antiche dimore. Installazioni che impreziosiscono le lussureggianti colline e i piccoli borghi, fino a integrarsi con i luoghi sacri e mistici dove la Terra sembra essere connessa al Cielo, come il Santuario di Madonna del Sasso, il Sacro Monte di Orta e l’isola di San Giulio, il cuore spirituale del lago.

Opere che hanno preso dimora in luoghi dove la natura e l’architettura convivono in una armoniosa simbiosi: residenze e palazzi storici come Villa Nigra, Villa Motta e Villa Frua; hotel e resort in assoluta armonia con il territorio nel rispetto totale dell’ecosotenibilità come l’Hotel San Rocco, Laqua by the Lake, La Darbia e il centro olistico Mandali.

 

Sergio Floriani, La Porta Della Legge. Crediti fotografici Michele Dalla Palma
Sergio Floriani, La Porta Della Legge. Crediti fotografici Michele Dalla Palma

Simone Benedetto, Sexyteddy Bear. Crediti fotografici Michele Dalla Palma
Simone Benedetto, Sexyteddy Bear. Crediti fotografici Michele Dalla Palma

Exhibition info: SOS Humanity. More Art – More Natural Culture – More Respect

When: 30 settembre al 1° novembre 2023.
Where: mostra diffusa sul Lago d’Orta.


Submit a Comment