Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | May 22, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

OMAR GALLIANI - Diacronica. Il tempo sospeso

OMAR GALLIANI – Diacronica. Il tempo sospeso

| On 13, Giu 2023

Milano, Palazzo Reale: tra passato, presente e futuro una grande mostra monografica dedicata al Maestro del Disegno.

di Redazione Art Vibes


Picture: Veduta della mostra Omar Galliani – Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli.


Se tutti i disegni tornassero a casa ripiegandosi l’uno sull’altro e nel guardarsi ripercorressero le trame del tempo; a quale tempo riandrebbero? In quale delle tante geografie della carta individuare i confini?
Omar Galliani


Il 13 luglio Palazzo Reale a Milano presenta una mostra monografica di Omar Galliani, maestro riconosciuto del disegno, che resterà aperta al pubblico ad ingresso gratuito fino al 24 settembre 2023. L’esposizione Omar Galliani. Diacronica. Il tempo sospeso, a cura di Flavio Caroli e Vera Agosti, è promossa da Comune di Milano-Cultura e prodotta e organizzata da Palazzo Reale e Archivio Omar Galliani.

Omar Galliani (Montecchio Emilia, Reggio Emilia, 1954) crede nell’eternità del disegno, che sopravvive al suo creatore e resiste nel tempo. Un “disegno infinitissimo”, che diventa opera unica, assoluta, immensa, che dispone di un proprio tempo, dilatato come le sue dimensioni, che si fa religione e viene “recitato” quotidianamente come un mantra; un disegno che l’artista ha saputo reinventare e rinnovare.

Il titolo della mostra – Diacronica – è mutuato dalla linguistica e si riferisce allo studio delle lingue nel loro sviluppo storico. Il sottotitolo – Il tempo sospeso – allude alla resistenza del fare dell’artista, che in un mondo sempre più digitalizzato e smaterializzato, sostiene la bellezza della fisicità dell’opera d’arte.

 

Veduta della mostra (Omar Galliani - Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli
Veduta della mostra Omar Galliani – Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli

Omar Galliani, Mantra, 1997, dittico, matita + oro in foglia su tavola di pioppo, cm. 200x600. Courtesy the Artist.
Omar Galliani, Mantra, 1997, dittico, matita + oro in foglia su tavola di pioppo, cm. 200×600. Courtesy the Artist.

Il percorso espositivo, sviluppato al piano nobile di Palazzo Reale, comprende oltre 100 opere, dalla fine degli anni Settanta ad oggi. Un excursus attraverso i lavori di Galliani presentati nelle Biennali di Venezia, Parigi, San Paolo, Praga, Tokyo, Pechino, nell’ambito di mostre museali, con l’aggiunta di una selezione di inediti, realizzati appositamente per l’esposizione milanese.

Oltre ai disegni, calati nel nero scintillante della grafite e veicolati nella dimensione intima della carta o nella monumentalità della tavola di pioppo incisa o graffiata, sono presenti in mostra anche alcune opere ad olio su tela che, nonostante la scelta radicale del disegno, l’artista ha dipinto negli anni Ottanta e, a seguire, ogni inverno, dando vita ad una sola grande opera pittorica all’anno, quando la neve cade sulla pianura padana.

A fare da guida, all’interno di un itinerario non cronologico, che consentirà tuttavia al visitatore di seguire il divenire delle opere nel tempo, saranno principalmente suggestioni tematiche ed emotive, che Flavio Caroli suddivide in “universi mondi”, capaci di nutrire il pensiero e la fantasia dell’artista: Universo simbolico, Universo mitico, Universo psicologico, Universo erotico, Universo scientifico, Universo paesistico.

 

Veduta della mostra (Omar Galliani - Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli
Veduta della mostra Omar Galliani – Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli

Omar Galliani, De rerum natura, 2020, matita su tavola + pastello, cm 150X150. Courtesy the Artist.
Omar Galliani, De rerum natura, 2020, matita su tavola + pastello, cm 150X150. Courtesy the Artist.

La poetica di Galliani oggi – scrive Vera Agosti – prende ispirazione dalla storia dell’arte, dalla moda, dal cinema o dalla semplice quotidianità, grazie a immagini incontrate per caso, sulla strada, in aeroporti d’oriente e occidente. E ancora i viaggi intorno al mondo, in particolare in Asia, che contaminano il suo immaginario e a cui è dedicata una grande sala di Palazzo Reale”.

L’immagine guida dell’esposizione è De rerum natura (2020), una grande tavola che trae il titolo dal poema di Tito Lucrezio Caro. L’opera raffigura una giovane donna e un colibrì, simbolo di congiunzione tra cielo e terra, tra mondo fisico e spirituale.

Tra le principali opere in mostra, Omar Roma Amor del 2012 – una testa femminile siamese, una spina dorsale bifida, un Colosseo speculare – e La Principessa Lyu Ji nel suo quindicesimo anno di età, esposta nella personale promossa dal Caffè Florian di Venezia nel 2014.

Quest’ultima tavola si basa su un’antica leggenda di cui Galliani è venuto a conoscenza nella località di Xi’an. Della fanciulla restano rose e forbici, scarpette e coltelli, una sineddoche visiva della femminilità e della narrazione. In Cina l’artista ha esposto nei principali Musei del Paese, in dodici città, e il suo legame con l’Oriente unito all’influenza di quei luoghi e di quelle culture sul suo lavoro, sono ben presenti in mostra.

 

Omar Galliani, Omar Roma Amor, 2012, matita su tavola, cm 315x400. Courtesy the Artist.
Omar Galliani, Omar Roma Amor, 2012, matita su tavola, cm 315×400. Courtesy the Artist.

Si prosegue con un grande Mantra degli anni Novanta, giocato tra il mistero del nero della grafite e la sacralità della foglia d’oro incisa. A seguire, NGC/7419 del 2020-2021, lavoro particolarmente sentito, nato da un sogno ricorrente a seguito della perdita del figlio Massimiliano, anche lui artista. Un numero tornava costante nella mente: 7419; cercando in rete risultò essere un insieme di stelle nella costellazione di Cefeo, a forma di matita. Le stelle, di carbonio ed oro, splendono nell’opera a matita su tavola, silenti e liriche testimoni di quei misteri che non ci è dato sapere.

Realizzata nei giorni del lockdown, invece, la grande installazione Baci rubati / Covid 19, composta da sessanta disegni di 50×50 centimetri. Sono i baci venuti a mancare nel periodo della chiusura forzata e del distanziamento sociale. Baci passionali e sensuali, come quelli cinematografici, immagini prese dal web rese delicate e oniriche dalla morbidezza del carboncino e dalla grafite cangiante in base alla rifrazione della luce.

E proprio alla luce, il Maestro dedica il suo grande trittico Riflessi del 2022-2023, opera inedita nella sua interezza, che sancisce la sua relazione con il paesaggio. Infine Grande disegno italiano, un’opera monumentale a matita su tavola di pioppo (cm 500×630), esposta all’Archivio di Stato di Torino nel 2005, in dialogo con un piccolo Angelo annunciante di Leonardo (presente nello studio preparatorio per la Vergine delle Rocce), esposto alla Biblioteca Reale.

 

Omar Galliani, Baci rubati / Covid 19, 2020, carboncino e grafite su tela, cm 300x500
Omar Galliani, Baci rubati / Covid 19, 2020, carboncino e grafite su tela, cm 300×500

Veduta della mostra (Omar Galliani - Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli
Veduta della mostra Omar Galliani – Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli

Omar Galliani, Grande disegno italiano, 2005, matita su tavola, cm 500x630. Courtesy the Artist.
Omar Galliani, Grande disegno italiano, 2005, matita su tavola, cm 500×630. Courtesy the Artist.

Veduta della mostra (Omar Galliani - Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli
Veduta della mostra Omar Galliani – Diacronica. Il tempo sospeso. Palazzo Reale, Milano, 2023. Photo credit: Luca Trascinelli

– via: Art Vibes submission


Exhibition info: OMAR GALLIANI – Diacronica. Il tempo sospeso

When: 13 luglio – 24 settembre 2023
Where: Palazzo Reale, Milano.


Submit a Comment