Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | December 9, 2023

Scroll to top

Top

No Comments

Aris + Muz - "Back to the future"

Aris + Muz – “Back to the future”

| On 30, Lug 2023

Inaugurate due piazze al Parco Ombrone di Grosseto: un’area attrezzata dove fare street skateboard e un’opera di street art ispirata all’arte etrusca attraversata da una pista per macchinine telecomandate.

di Redazione Art Vibes


Picture: Aris + Muz – “Back to the future“, Parco Ombrone di Grosseto, 2023.


Sono state inaugurate venerdì 28 luglio, due piazze del Parco Ombrone di Grosseto grazie al progetto “Street’s education: creatività urbana tra rigenerazione e riqualificazione”, promosso dal Comune di Grosseto e realizzato dal Coeso Società della salute, con il contributo del Consiglio regionale della Toscana.

Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale nel promuovere e implementare progetti formativi per i più giovani che non solo ne incentivino l’educazione civica, ma trasformino Grosseto in una città educativa – hanno commentato il primo cittadino Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore al Sociale Sara Minozzi –. Dopo l’intervento nel piazzale di via De Amicis, siamo soddisfatti di aver riqualificato un’altra zona molto frequentata della nostra città, quale il D-Park, che da oggi potrà godere di due nuove aree attrezzate per i nostri ragazzi”.

Interventi di questo tipo – ha commentato la direttrice del Coeso Società della Salute Tania Barbihanno una valenza anche sociale: perché individuare e prendersi cura di aree dedicate ai giovani, dove possano incontrarsi ed esprimersi, può aiutare a contrastare comportamenti devianti, che spesso sono manifestazioni di malessere e disagio”.

 

Aris + Muz - Back to the future, Parco Ombrone di Grosseto, 2023
Aris + Muz – Back to the future, Parco Ombrone di Grosseto, 2023

Le due piazze, nello specifico, hanno visto la messa a dimora di un’area attrezzata per lo street skateboard e di un’opera di street art ispirata all’arte etrusca e attraversata da una pista per le macchinine telecomandate, richiesta proprio dai giovani che si sono avvicinati al progetto, e che riprodurrà le mura medicee della città.

La realizzazione dell’area attrezzata è stata curata da Samurai Skateparks, tenendo presente le esigenze degli skaters locali della Switch Bitch crew e provvedendo quindi alla realizzazione di una panchina in calcestruzzo con bordi di metallo e un lato inclinato, per permettere le variazioni di skate tricks.

Oltre alla panchina è stato realizzato un “parking block”, ovvero uno di quei manufatti in calcestruzzo che si trovano spesso nei parcheggi degli Stati Uniti e che gli skateboarders usano per manovre come slides e grinds. Una vera e propria Skate Plaza che, a differenza degli skate park, può essere usata anche da chi si approccia a questa disciplina e quindi anche da ragazzi e bambini. 

 

Aris + Muz - Back to the future, Parco Ombrone di Grosseto, 2023
Aris + Muz – Back to the future, Parco Ombrone di Grosseto, 2023

Il secondo progetto, ispirato all’arte etrusca, è stato invece curato da stART – Open your eyes, associazione culturale che promuove l’arte contemporanea soprattutto nel contesto urbano e sostiene il lavoro degli artisti emergenti.

L’opera inaugurata, dal titolo “Back to the future“, è stata curata da Gian Guido Grassi ed eseguita dagli artisti Aris e Muz, tra i principali protagonisti della scena urbana italiana.

L’opera indaga la tradizione e la storia di Grosseto dandone una lettura contemporanea, recuperando la matrice etrusca con riferimenti ai mosaici ritrovati a Roselle: i colori (con una prevalenza di bianco e nero), lo schema costruttivo (una cornice esterna che inquadra la parte decorata), la componente geometrica e il ritmo degli elementi che si sviluppa in modo simmetrico verso il centro per abbracciare l’intera area e creare un ambiente; i profili richiamano quelli presenti sui vasi etruschi rinvenuti sul territorio.

Al contempo la pista per le macchine telecomandate omaggia la planimetria della cinta muraria cinquecentesca.

L’idea per la realizzazione di questi interventi è arrivata dallo staff generazionale del progetto “Street’s rooms” e dalla cabina di regia del progetto “Street’s education: creatività urbana tra rigenerazione e riqualificazione”, che unisce enti, associazioni e privati cittadini.  


– photo courtesy of: START -Open your eyes


Submit a Comment