Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | May 19, 2019

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Luis Gomez de Teran - Anche quando l’alba non c’era

Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era

| On 16, Mag 2019

MUSMA (Matera): spirito, silenzio, materia. Il linguaggio scultoreo di Gomez negli ipogei di Palazzo Pomarici.

di Redazione Art Vibes


Picture: Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: (detail) Alessandra Costantiello.


In un anno importante per Matera, quello da capitale europea della cultura, l’impresa culturale Synchronos inaugura la stagione espositiva 2019 partendo proprio dalla città dei Sassi, affidandone il racconto alla street art, un linguaggio artistico del tutto inedito per un museo interamente dedicato alla scultura.

Synchronos ha riconosciuto in Gomez quella sensibilità artistica necessaria per pensare ad un progetto che parlasse di Matera e delle frenetiche trasformazioni che la città ha vissuto negli ultimi anni.

Gomez non ha certo bisogno di presentazioni: da Corato a Berlino, da Tonara a Phetchaburi, sono numerosi i murales da lui realizzati su palazzi di periferia, fabbriche dismesse, edifici abbandonati, ex ospedali psichiatrici, tutte opere dal potente significato simbolico, dense di chiaroscuri, drappeggi, veli che mostrano e nascondono, installazioni che hanno quasi sempre come protagonisti personaggi marginali o dimenticati, ai quali la sua arte infonde nobiltà e nuova vita.

L’artista ha accolto l’invito, adattando il suo linguaggio e la sua indole di “graffitaro” ad un museo di scultura ma, nel contempo, restando fedele a se stesso, conservando, cioè, la sua vena elegantemente anarchica.

La Sala della Grafica di Palazzo Pomarici è stata trasformata nello studio dell’artista ed è lì, che, in due mesi, Gomez ha dipinto, trapanato, martellato, modellato, infuso il soffio vitale alle sue opere, stabilendo un rapporto fisico e spirituale con la materia.

 

Luis Gomez de Teran - Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.
Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.

Sono sculture polimateriche, prevalentemente in plexiglass e cemento, due materiali che l’artista conosce bene e che negli spazi del MUSMA s’illuminano di un potente significato metaforico. Scrive Simona Spinella, presidente di Synchronos, nel catalogo edito da Magonza: «Gli elementi trasparenti appartengono alla sfera dell’incubo, della tenebra, il cemento, invece, nella sua opaca sostanza, sintetizza l’origine, il primordiale, la fine della materia e del pensiero».

Immagini sacre, ritratti profani, simboli e idoli capovolti: sono sei le opere che raccontano al visitatore come le realtà più piccole e apparentemente facili da vivere e da gestire nascondano spesso un passato di sofferenza e un presente fatto di bivi, scelte e cambi di rotta improvvisi.

Sei passi rispettosi e decisi nel ventre della città, nelle grotte di Matera, oggi diventate alla moda, ma che racchiudono in sé un passato lunghissimo e un presente a volte talmente fragile da andare in pezzi. 
Tra le cisterne, i palmenti, gli archi e le vasche degli ipogei del MUSMA, i chiaroscuri, le luci e le ombre delle opere di Gomez conducono alla scoperta di un mondo antico e, nello stesso tempo, ancora così incredibilmente vicino. Attraverso un’appassionata lavorazione della materia e una delicata rappresentazione di gesti e sguardi, l’artista invita ad accostarsi con rispetto e cura a una realtà che, probabilmente, non è così scontata.

Scrive il poeta Maurizio Mequio nel catalogo: «Bastava il silenzio per amare la città, che sia periferia o centro delle danze, bastava il silenzio, una pausa dal turismo, dalle guide, dai B&B, per amare Matera, come Roma. Gomez ha dovuto portare l’uomo, nudo, spogliato dalla sua disumanità e finta perfezione, disomologato, alleggerito del superficiale, così da renderci capaci di ascoltarlo, questo dannato silenzio».

L’appuntamento al MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea) di Matera con la mostra di Gomez (Anche quando l’alba non c’era) è di quelli da non perdere. (5 maggio – 30 giugno 2019).

 

Luis Gomez de Teran - Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.
Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.

Luis Gomez de Teran - Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.
Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era, MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera). photo credit: Alessandra Costantiello.

– via: Art Vibes submission – photo courtesy of: MUSMA – photo credit: Alessandra Costantiello.


Exhibition info: Luis Gomez de Teran – Anche quando l’alba non c’era, un progetto realizzato dall’impresa culturale Synchronos con il supporto della Regione Basilicata.

When: 5 maggio – 30 giugno 2019.
Where: MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera), Palazzo Pomarici – Via San Giacomo (Sasso Caveoso), Matera.


Submit a Comment