Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | April 24, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

INSIDE MONET - Una Virtual Reality Experience nell’opera di Claude Monet

INSIDE MONET – Una Virtual Reality Experience nell’opera di Claude Monet

| On 17, Mar 2023

Immergersi nei fermenti culturali che hanno contrassegnato il vitale mondo artistico parigino di metà Ottocento: la mostra immersiva su Monet arriva a Milano.

di Redazione Art Vibes


Picture: INSIDE MONET – I Papaveri.


Questa è la mia rivoluzione. En plein air” – Claude Monet


Dopo il successo di You Are Leo, che nel 2019 ha coinvolto oltre 40.000 persone con il Virtual Tour milanese dedicato a Leonardo da Vinci, è ora la volta di immergersi nella prima grande mostra en plain air dedicata a Claude Monet (Parigi, 14 novembre 1840 – Giverny, 5 dicembre 1926), uno dei padri fondatori dell’impressionismo francese.

Inside Monet è una nuova Virtual Reality Experience di taglio culturale, rivolto a un pubblico trasversale, che unisce l’arte allo studio della natura, della luce, riportandoci nell’atmosfera di quei fermenti culturali che hanno contrassegnato il vitale mondo artistico parigino di metà Ottocento.

Un nuovo viaggio nel tempo e nello spazio voluto da Way Experience per raccontare e fare vivere in prima persona al visitatore/spettatore il concetto di en plein air, il metodo pittorico soprattutto del gruppo degli Impressionisti del dipingere all’aperto per cogliere le sottili sfumature generate dalla luce su ogni particolare.

L’intero tour graviterà intorno all’Arco della Pace, nei pressi della fermata Cadorna, nella venue più parigina di Milano, in un “Museo Impossibile” all’aperto che permetterà ai visitatori di entrare fisicamente nelle opere più significative di Monet

 

INSIDE MONET - Arco della Pace e papaveri
INSIDE MONET – Arco della Pace e papaveri

Ad accompagnare gli spettatori durante questa passeggiata sarà un attore che racconterà Monet e la sua storia, grazie alla narrazione drammaturgica scritta in collaborazione con Libero Stelluti. La voce di Monet, dell’attore Luciano Bertoli, nelle scene di Virtual Reality inviterà invece i partecipanti ad indossare il visore per entrare nei suoi quadri e capirne al meglio la pittura, la luce e i colori, nonché le sue emozioni e impressioni.

Il salon-atelier di Claude Monet a Giverny, in Normandia, scrupolosamente ricostruito attenendosi a quello reale, è il punto di partenza e fulcro da cui si apre l’intero percorso di Virtual Reality.

 

INSIDE MONET - Studio
INSIDE MONET – Studio

La stanza, nel corso dell’esperienza, scena dopo scena, si va arricchendo di quei quadri realizzati dal pittore nei quali verrà proiettato lo spettatore/visitatore, delle fotografie dei luoghi a lui cari raffigurati nei suoi lavori e degli oggetti personali legati alla sua sfera più intima.

Nella prima tappa il visitatore/spettatore si troverà l’illustre paesaggio marino del porto di Le Havre immerso nella foschia dell’alba di Impressione, Levar del Sole (1872).

L’invenzione della visione impressionista si deve, forse proprio all’impatto che ebbe sulla critica questo suo dipinto, esposto per la prima volta insieme ad opere di altri artisti in occasione della mostra del 1874 presso lo studio del fotografo Nadar. Il sole nascente, l’accostamento e le sfumature di colori dovuti ai suoi raggi, sulla natura e sull’acqua, avvolgono lo spettatore nel paesaggio dell’alba divenuto così celebre.

La seconda tappa condurrà il visitatore/spettatore nella distesa di verde tenue e di rosso scarlatto catturata dall’artista nel quadro I papaveri (1875), in quell’atmosfera tipica di aria estiva e in quella luce della regione dell’Ile de France che Monet amava “catturare” dipingendo en plein air.

 

INSIDE MONET - La Passeggiata
INSIDE MONET – La Passeggiata

La terza tappa sarà una delle passeggiate che la moglie di Monet faceva insieme al figlio durante le calde giornate estive sulle colline di Argenteuil. Entrando nel quadro La passeggiata (1875) lo spettatore osserverà il vestito di Camille ondeggiare al vento e l’erba muoversi al gradevole venticello estivo che avvolge tutto il paesaggio.

La quarta tappa è ne I covoni (1890-91). Davanti a un campo e ai mucchi di fieno immersi nel sole, Monet si presenterà come “cacciatore in cerca di impressioni” intento a studiare il tema delle mutazioni della luce e degli effetti di colore, tra i più cari e indagati dal pittore.

 

INSIDE MONET - Covoni
INSIDE MONET – Covoni

Lo stagno delle ninfee (1899) è la quinta e ultima tappa del percorso. Monet considerava il suo giardino di Giverny il suo capolavoro più bello, ed è qui che nasce la serie di oltre 250 dipinti con protagoniste le ninfee.

Qui in questo giardino si ritroverà lo spettatore, entrando nell’armonia dei colori e delle pennellate che si combinano con gli effetti dell’acqua e della luce in natura, osservando i raggi del sole che penetrano nella vegetazione, i riflessi dei colori, il ponte ad arco in stile giapponese che Monet aveva fatto costruire in onore della cultura del Sol Levante da lui molto amata che si riflette nelle pennellate veloci di questo dipinto.

Aprire mondi impossibili è da sempre la nostra mission – afferma Pier Francesco Jelmoni co-founder di Way Experience -. In ogni progetto portiamo lo spettatore a vivere in prima persona emozioni in altri tempi e in altri contesti storici, così da potere capire la storia e il presente, l’arte e tutti gli avvenimenti socio-culturali che affrontiamo nei nostri progetti. 

Inside Monet porta Parigi a Milano, porta lo spettatore nel porto di Le Havre e gli fa vedere con i propri occhi i riflessi della luce dell’alba sull’acqua, facendo cogliere l’Impressionismo attraverso le impressioni di chi lo vive, emozionandosi esattamente come fece Monet. Con una punta di orgoglio possiamo dire che in questo progetto di experience culturale la realtà virtuale supererà la fantasia dei partecipanti”.


Exhibition: INSIDE MONET, una Virtual Reality Experience nell’opera di Claude Monet.

When: Tour disponibili dal 15 aprile 2023.
Where:Museo Impossibile”, Arco della Pace di Milano.


Submit a Comment