Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | February 29, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Chiharu Shiota - Who am I Tomorrow?

Chiharu Shiota – Who am I Tomorrow?

| On 11, Ago 2023

Alla Kunstraum Dornbirn un’installazione che indaga il tema dell’identità in tutta la sua complessità, un’opera che stimola una connessione speciale con il grande Mondo che ci ospita.

di Redazione Art Vibes


Picture: Chiharu Shiota: “Who am I Tomorrow?“, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023


Una rete labirintica rossa appare sospesa, una miriade di tubi rossi intrecciati domina un soffitto alto 11 metri. La materia non appare statica, ma in movimento: un liquido rosso scorre in innumerevoli volute attraverso percorsi lunghi quasi 2 km e mezzo.

L’installazione dal titolo significativo “Who am I Tomorrow?” dell’artista Chiharu Shiota (in mostra alla Kunstraum Dornbirn fino al 12 novembre 2023), riflette sulla percezione del mondo di un organismo vivente, sovradimensionato e indipendente.

Tutti noi viviamo, lavoriamo, dormiamo, amiamo e soffriamo fisicamente, spinti da un sistema cardiovascolare costantemente funzionante. Con una frequenza cardiaca di circa 70 battiti al minuto, ogni giorno vengono pompati circa 10.000 litri di sangue in circa 100.000 chilometri di vasi sanguigni.

L’artista isola questa circolazione sanguigna dall’insieme sistemico, la ingrandisce e la inserisce site-specific nella struttura della sala. La funzione del cuore è assunta dalle pompe, che muovono il sangue apparente attraverso le vene.

Per un breve periodo viene addirittura rimosso completamente dal ciclo attraverso l’ausilio di una beuta di Erlenmeyer e conservato nel recipiente per essere reimmesso nel ciclo dalla successiva vena aperta con l’ausilio della pompa. Un processo che ha il suo equivalente in medicina nella circolazione extracorporea con l’ausilio della macchina cuore-polmone durante gli interventi chirurgici a cuore aperto.

 

Chiharu Shiota: Who am I Tomorrow?, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023
Chiharu Shiota: “Who am I Tomorrow?”, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023

Nella mostra, l’assenza del corpo associato riflette l’esatto contrario, ovvero la presenza mentalmente cosciente. Perché senza questo corpo, il ciclo semplicemente non esiste. È intessuto in un sistema elaborato in cui una perdita di funzione in una parte si ripercuote su tutte le altre.

La raffigurazione dell nucleo dell’esistenza fisica trova la sua rappresentazione ripetuta in tutta l’opera di Shiota. La connessione diretta del dentro con il fuori corrisponde a una stratificazione nell’opera artistica: l’organismo interiore avvolto dalla pelle, protetto dagli abiti, accolto dal letto, dalla stanza, dall’appartamento/casa, situato in città, in campagna , nel continente, nel Mondo.

Proprio quel mondo, inserito in un universo in cui possiamo coesistere solo sul pianeta terra con tutti gli altri esseri viventi e siamo responsabili di mantenere questa comunità in equilibrio per difendere il nostro spazio vitale. In questo contesto universale, il sangue rappresenta effettivamente l’informazione dell’individuo sull’origine, la nazione, la famiglia, la salute e la malattia.

Nel migliore dei casi, il sangue è nascosto invisibilmente, non percepibile, sensorialmente assente e quindi affascinante, spaventoso, o la sua visibilità è associata a lesioni, a perdite e ad altre situazioni estreme o colpi del destino.

 

Chiharu Shiota: Who am I Tomorrow?, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023
Chiharu Shiota: “Who am I Tomorrow?”, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023

L’analogia dell’intervento artistico con il flusso sanguigno non è limitata agli esseri umani. È altrettanto valido per altri esseri viventi e nell’opera di Shiota la connessione degli esseri umani con il loro intero ambiente è formulata come tema centrale. La capacità di rappresentare l’interiorità, gli stati mentali, vissuti, traumi, paure, colpi del destino o momenti di felicità, sicurezze o insulti sociali, trova la sua corrispondenza nel disegno artistico. In esso, il personale, l’intimo, si intreccia con il pubblico.

Per Shiota la sua arte è una casa, un mezzo di comunicazione con il mondo. E lo crea costantemente da se stessa, prendendo le proprie esperienze come motivazione e argomento. Per quasi tre decenni ha sviluppato un linguaggio di design coerente, altamente estetico e di successo internazionale. In esso negozia la sua storia, la sua identità e le culture in cui è cresciuta, in cui ha vissuto ed attualmente vive. Lavora come donna giapponese, come figlia, come madre, come donna, come persona sana dopo il cancro, come persona traumatizzata da un aborto spontaneo, come sorella o come artista in ambito internazionale.

Shiota lo fa attraverso installazioni estese, come le sue iconiche tensioni del filo, ma anche in disegni, video, performance o oggetti. Nel lavoro, le sue esperienze diventano un punto di partenza per i destinatari, per cui l’esperienza individuale si fonde con l’esperienza collettiva.

Il titolo della mostra di Dornbirn indaga l’individuo, inteso come la più piccola unità di una comunità – “Chi sono io domani?“. Al centro della ricerca l’identità in tutta la sua complessità, con ogni sorta di dissonanze, nelle esperienze biografiche e biologiche, nei comportamenti e nelle abitudini, nel contesto sociale e culturale, nel consapevolmente indirizzabile e inconsapevolmente efficace, nel zeitgeist e attraverso le generazioni.

 

Chiharu Shiota: Who am I Tomorrow?, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023
Chiharu Shiota: “Who am I Tomorrow?”, Kunstraum Dornbirn 2023, Foto Günter Richard Wett, © die Künstlerin / Bildrecht Wien 2023

Quando si legge la domanda, si pensa automaticamente a cosa potrebbe accadere entro domani. Ma forse sarebbe il caso di chiedersi: Quanta influenza hai su di esso? Quanto potere ha il nostro ambiente? E quanta responsabilità abbiamo nel costante rapporto reciproco per questo ambiente? “Domani” è un’indicazione concreta del tempo, ci vuole relativamente poco tempo fino ad allora. Quindi quanto può essere grande la tua trasformazione? Che aspetto avrà la versione di domani di me stesso? E cosa (cambia) cambia?

In “Who am I Tomorrow?” Shiota pone queste domande e molte altre in un accattivante contesto semantico. Nella sua dimensione pura e nella sua bellezza armoniosa, l’installazione è così intensa da sperimentare la consapevolezza della nostra connessione con questo grande mondo in un modo speciale.

Il linguaggio artistico può essere afferrato intuitivamente ed è impressionante quanto sia globalmente comprensibile e valido. Nell’odierno mondo globalizzato, dobbiamo far fronte a un livello di responsabilità sempre crescente, che però è ostacolato dall’invisibilità dovuta, tra l’altro, alle grandi distanze o alle mediazioni. Ma le persone sono capaci di compassione e quindi di cambio di prospettiva e di sensibilizzazione. A tal fine, le installazioni di Shiota disegnano spazi immaginari di storie reali. Ci forniscono narrazioni che formano l’identità il cui feedback alla realtà della vita è evidente e promette speranza.


Exhibition info: Chiharu Shiota – Who am I Tomorrow?. Kurator Thomas Häusle, Direktor Kunstraum Dornbirn.

When: 7 luglio – 12 novembre 2023.
Where: Kunstraum Dornbirn, Austria.


– website: chiharu-shiota.com


Submit a Comment