Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | June 24, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Blu - Il murale animato per la Biblioteca di Lampedusa

Blu – Il murale animato per la Biblioteca di Lampedusa

| On 02, Nov 2022

L’Accordo Italia- Libia, il dramma dei migranti, i sommersi abusi sponsorizzati dall’UE in Libia e nel Mediterraneo centrale. La nuova opera murale di Blu a Lampedusa.

di Redazione Art Vibes


Picture: Blu – Lampedusa Library.


Novecento dollari hanno fatto la differenza tra reclusione e libertà per il 23enne Kouassi, fuggito dalla sua casa in Costa d’Avorio solo per essere venduto ai trafficanti di esseri umani in Libia. Dopo essere stato salvato da una barca non adatta alla navigazione, alla deriva nel Mediterraneo, da una nave di ricerca e soccorso di MSF Geo Barents, Kouassi ha riportato alla squadra a bordo di essere stato detenuto in Libia per tre mesi nel 2020 dopo aver attraversato il confine dall’Algeria.

Loro [le guardie] ci mettono dei ceppi alle caviglie e ai polsi”, dice Kouassi. “Ho molte cicatrici sulle caviglie. Ho passato tre mesi in catene. Ci hanno picchiato, ci hanno colpito con bastoni di legno e di metallo. Ho ancora le cicatrici dei tagli con i coltelli sulla schiena“, dice.

Era una prigione nel deserto, una casa che non era finita. C’erano circa 10 di noi in una stanza e c’erano diverse stanze. Hanno rimosso tutto ciò che avevamo su di noi e chiesto mezzo milione di franchi CFA [US $ 900] ai nostri genitori per il nostro rilascio“, afferma Kouassi.

Come Kouassi, migliaia di donne, bambini e uomini in Libia vengono trafficati, sfruttati, detenuti contro la loro volontà, torturate e si vedono estorcere denaro in Libia semplicemente perché sono migranti. All’arrivo nel Paese, molti migranti vengono rapiti e tenuti prigionieri da milizie o altri gruppi armati, oppure usati come valuta dai trafficanti. I migranti che vivono nelle città sono discriminati, perseguitati e affrontano la costante minaccia di arresti di massa e incarcerazioni arbitrarie.

 

Lampedusa 2022 animated-mural loop. video courtesy of: notblu

Diversi rapporti internazionali, oltre a migliaia di resoconti di sopravvissuti, hanno documentato l’atroce trattamento riservato a migranti e rifugiati in Libia. Nel novembre 2021, la missione conoscitiva delle Nazioni Unite in Libia ha ritenuto che queste violazioni fossero crimini contro l’umanità.

Nel febbraio 2017 il governo italiano ha firmato un accordo sponsorizzato dall’UE con il governo libico: il Memorandum of Understanding (MoU) sulla migrazione. Rinnovato nel 2020 per altri tre anni, il MoU fa parte di una più ampia strategia difensiva perseguita dai governi europei, basata su un approccio di sicurezza contro i migranti. Invece di fornire protezione ai migranti, cerca di tenerli fuori.

In base a questo accordo, l’Italia e l’UE hanno aiutato la guardia costiera libica a migliorare la propria capacità di sorveglianza marittima, fornendo loro supporto finanziario e risorse tecniche.

Dal 2017 l’Italia ha stanziato 32,6 milioni di euro per missioni internazionali a supporto della Guardia Costiera libica, con 10,5 milioni di euro stanziati nel 2021, l’accordo dovrebbe essere rinnovato nel 2023 per altri 3 anni.

Questo finanziamento va a scapito dei diritti umani dei migranti e dei rifugiati, poiché tutte le persone intercettate in mare dalla guardia costiera libica finiscono in un centro di detenzione libico e lì subiscono quanto vi abbiamo raccontato poc’anzi. L’accordo tra Italia e Libia sostiene il sistema di sfruttamento, estorsioni e abusi in cui si trovano intrappolati tanti migranti.

Questa delicata e intricata condizione politico, sociale e umana è al centro del nuovo murale animato di Blu, un’opera realizzata sulle facciate della libreria comunale di Lampedusa per celebrare i 10 anni di attività del progetto promosso da IBBY, un’opera per sensibilizzare intorno a un tema sommerso, per gettare luce sulle avversità che molti migranti sono costretti ad affrontare solo per scappare in direzione di un futuro migliore.

Blu ricorre all’animazione e torna alle origini in chiave stilistica, ma colpisce sempre al centro, con un’opera che racconta la complicità silenziosa di un sistema di gestione delle politiche migratorie, completamente fallimentare dal punto di vista umano e cooperativo.
 
 

Blu - Il murale animato per la Libreria di Lampedusa
Blu – Lampedusa Library

Blu - Il murale animato per la Libreria di Lampedusa
Blu – Lampedusa Library

Blu - Il murale animato per la Libreria di Lampedusa
Blu – Lampedusa Library

Blu - Il murale animato per la Libreria di Lampedusa
Blu – Lampedusa Library

– website: blublu.org


– Risorse: msf.org


Submit a Comment