Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | July 19, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

I vulcani nell'arte: la potenza creativa di un simbolo millenario

I vulcani nell’arte: la potenza creativa di un simbolo millenario

| On 19, Giu 2024

Il simbolismo del vulcano, da sempre fonte di ispirazione e fascinazione per l’umanità e per gli artisti.


di Redazione Art Vibes


Picture: image source


Generalmente associati all’idea di una forza distruttiva, ma anche alla loro capacità di modellare i paesaggi e di diventare simboli per il territorio in cui si trovano, i vulcani sono da sempre anche una fonte di ispirazione e fascinazione per l’umanità e per gli artisti.

Questi colossi della natura, che emergono furiosi dalla crosta terrestre, racchiudono infatti una potenza inarrestabile che affascina e terrorizza allo stesso tempo. L’immaginario collettivo, le leggende, la scienza e l’arte hanno tutti, in modi diversi, rappresentato e interpretato i vulcani come simboli di potenza, rinascita e drammaticità, studiandoli approfonditamente ma anche riflettendo sulle loro molteplici sfaccettature simboliche.

 

Vulcani nella mitologia e nelle antiche civiltà

Le prime rappresentazioni dei vulcani risalgono alle antiche civiltà, che spesso associavano questi giganti montuosi a divinità potenti e capricciose. Nell’antica Grecia, Efesto, il dio del fuoco e della metallurgia, era per esempio strettamente legato a questa immagine. Egli infatti forgiava le armi degli dei e degli eroi nelle sue fucine situate proprio nelle profondità delle montagne vulcaniche e i Greci credevano che le eruzioni fossero il risultato delle sue fervide attività sotto terra.

Anche i Romani vedevano nei vulcani una manifestazione del divino. Plinio il Giovane descrisse con dovizia di particolari l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. che distrusse Pompei ed Ercolano, un evento che fu interpretato come un segno di collera divina. I racconti dell’epoca non solo rappresentano una prima forma di cronaca di quegli eventi, ma rappresentano tutt’oggi un documento importantissimo per lo studio di ciò che avvenne in quella devastante circostanza.

In Giappone, invece, il Monte Fuji, con il suo perfetto cono vulcanico, è venerato come sacro, tanto da aver ispirato innumerevoli opere d’arte. Le sue rappresentazioni, come quelle nelle stampe di Hokusai, non solo celebrano la bellezza del vulcano, ma ne sottolineano anche il significato spirituale e la sua presenza imponente nel paesaggio e nella cultura giapponese.

 

La potenza drammatica dei vulcani nell’arte rinascimentale e barocca

L’interesse per la natura e per i fenomeni naturali non è mai calato nel tempo, anzi nel Rinascimento questo ha dato vita a nuove interpretazioni artistiche dei vulcani.

Pittori come Leonardo da Vinci e Giorgione li inserirono, per esempio, nelle loro opere come simboli della forza distruttiva e rigenerativa della natura. Leonardo, inoltre, ne era particolarmente affascinato anche in termini geologici e nei suoi studi li descriveva come “valvole della Terra”, essenziali per la stabilità del pianeta stesso.

Durante il Barocco, la drammaticità delle eruzioni vulcaniche trovò invece espressione nelle opere di artisti come Salvator Rosa, che dipinse paesaggi tempestosi e selvaggi dominati da montagne vulcaniche, immagini che non solo riflettevano la potenza sublime dei vulcani, ma servivano anche come metafore della passione e della turbolenza dell’animo umano.

 

Lisa Gelli - Rifugio Universo, Osteria Social Club a Le Piagge di Firenze, intervento di arte urbana è stato curato da Street Levels Gallery
image source

 

Il vulcano nell’arte romantica: sublime e terrificante

L’arte romantica dell’Ottocento amplificò invece l’idea del vulcano come simbolo del sublime, un concetto che esprime la magnificenza e la potenza terrificante della natura. Artisti come William Turner e Caspar David Friedrich dipinsero vulcani in eruzione per evocare sentimenti di meraviglia e timore reverenziale: le loro opere catturano la bellezza terribile dei vulcani, che suscitano da sempre emozioni profonde e contrastanti.

Turner, in particolare, è famoso per le sue rappresentazioni di eruzioni vulcaniche che giocano con la luce e l’ombra, creando visioni apocalittiche che sfidano i limiti della percezione umana. Il suo dipinto “Eruzione del Vesuvio” (1817) è un esempio straordinario di come l’arte possa catturare l’essenza travolgente e devastante di un evento naturale.

 

Simbolismo e modernismo: la rinascita dalle ceneri

Nel XX secolo, i vulcani hanno continuato a ispirare artisti in cerca di simbolismi potenti e profondi. La loro capacità di distruggere e creare nuovo terreno è stata interpretata infatti come metafora della rinascita e del rinnovamento.

Un esempio affascinante è la collezione “Terrae Motus”, creata da Lucio Amelio dopo il devastante terremoto dell’Irpinia nel 1980. Questa collezione comprende opere di artisti come Andy Warhol e Joseph Beuys, che trasformano la tragedia in un messaggio di solidarietà e speranza. Le opere non solo rappresentano il disastro naturale, ma esplorano anche la resilienza umana e la capacità di trovare bellezza e significato nelle avversità.

Salvador Dalí, nel suo stile surrealista, utilizzò invece spesso immagini vulcaniche per esplorare temi di trasformazione e conflitto interiore. Nei suoi dipinti, i vulcani diventano veri e propri simboli della mente umana, con eruzioni che rappresentano scoppi di creatività o tensioni psichiche.

 

I vulcani nella cultura contemporanea: arte, scienza e Pop Culture

Anche nel XXI secolo, l’arte ha continuato a esplorare il tema dei vulcani, spesso intersecando la scienza con l’espressione artistica contemporanea. Mostre come “Pompei@Madre” al Museo di Arte Contemporanea di Napoli e “Visions of the Earth” curata da Fabiola Di Maggio, sono arrivate a sfumare i confini tra arte, scienza e storia, evidenziando come i vulcani non siano solo fenomeni naturali, ma anche potenti metafore culturali e sociali.

D’altronde, ampliando lo sguardo alla cultura pop, anche nel cinema e nei media, i vulcani sono spesso utilizzati come sfondo per storie di catastrofi e avventura. Film come “Dante’s Peak” e “Volcano” utilizzano l’eruzione vulcanica come simbolo del caos e della lotta dell’uomo contro le forze naturali incontrollabili, così come, allo stesso modo, serie televisive come “Game of Thrones” impiegano paesaggi vulcanici per evocare atmosfere di pericolo e mistero. Ma non mancano commistioni in ambiti del tutto differenti, come quello dei videogame, dove per esempio trovano spazio titoli che partono da particolari contesti storici e mitologici per dare nuova vita a eventi e leggende. Addirittura ciò è visibile nei casino online, che ospitano slot a tema come Hammer of Vulcan, ambientata proprio nella fucina del dio Vulcano e caratterizzata dall’uso di grafiche e simboli a tema.

 

La dualità del vulcano come simbolo universale

Dai miti antichi alle rappresentazioni contemporanee, i vulcani rimangono dunque simboli potenti e ambigui, incarnando sia la forza distruttiva che la capacità rigenerativa della natura.

Che siano visti come porte infernali o come fonti di nuova vita, i vulcani continuano insomma a occupare un posto centrale nell’arte, stimolando la riflessione sul nostro rapporto con il mondo naturale e con le forze che lo modellano.

In un’epoca in cui la consapevolezza ambientale è sempre più sentita, il simbolismo dei vulcani può anche servirci come potente promemoria della nostra connessione e dipendenza dalla natura.

Guardando ai vulcani attraverso le lenti dell’arte e della scienza, possiamo infatti trovare nuovi modi di comprendere e celebrare la nostra esistenza su questo pianeta dinamico e in continua evoluzione.


Submit a Comment