Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | May 30, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

David Horvitz - "Abbandonare il locale"

David Horvitz – “Abbandonare il locale”

| On 21, Apr 2024

Una lettura non convenzionale dell’etica e dell’estetica del posto di lavoro, piena di immaginari alternativi e possibili vie d’uscita.


di Redazione Art Vibes


Picture: David Horvitz, The Distance of a Day, 2013; Digital video; 12 min.


Organizzata in occasione della ventottesima edizione di miart, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano, Abbandonare il locale è la prima grande mostra personale in Italia dedicata a David Horvitz.

Allestita all’interno di un ufficio dismesso negli spazi di BiM – ambizioso progetto di rigenerazione urbana nel distretto Bicocca che sta trasformando un iconico edificio progettato da Vittorio Gregotti in una work destination all’avanguardia, la mostra è curata da Nicola Ricciardi, direttore artistico di miart, che ha selezionato insieme a Horvitz oltre 20 opere che ripercorrono altrettanti anni di carriera.

Nato a Los Angeles, dove vive e lavora, Horvitz utilizza una disparità di media, dalla fotografia alla performance, dai libri d’artista al suono, dalla gastronomia alla mail art, per riflettere sulla nostra comune idea di distanza tra luoghi, tempi e persone e per testare le possibilità di appropriarsi, indebolire o cancellare queste distanze.

Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo, dal New Museum di New York al Palais de Tokyo di Parigi, e sono oggi presenti in alcune delle più prestigiose collezioni museali, dal LACMA di Los Angeles al MoMA di New York.

 

David Horvitz, o c e a e a n (after Aram Saroyan), 2020; Neon shaped in the artist’s handwriting; 15.24 × 205.74 cm. Installation view of “AM SEEGARTEN”, Kirchmöser 2023. Photo by Ludger Paffrath. Courtesy of the Artist, Los Angeles, ChertLüdde, Berlin and Am Seegarten, Kirchmöser.
David Horvitz, o c e a e a n (after Aram Saroyan), 2020; Neon shaped in the artist’s handwriting; 15.24 × 205.74 cm. Installation view of “AM SEEGARTEN”, Kirchmöser 2023. Photo by Ludger Paffrath. Courtesy of the Artist, Los Angeles, ChertLüdde, Berlin and Am Seegarten, Kirchmöser.

La mostra di Milano nasce dalla volontà di dare una forma tangibile all’espressione no time no space, scelta come tema e titolo della nuova edizione di miart per sottolineare la volontà della fiera di allargare sempre di più i propri confini geografici e temporali.

I lavori di Horvitz qui raccolti provano infatti a complicare e sovvertire l’idea standardizzata di tempo, come nel caso dell’orologio di “A clock whose seconds are synchronized with your heartbeat” (2020), o della performance “Evidence of time travel” (2014), per la quale l’artista ha vissuto in Europa regolando la propria vita sul fuso orario della California, o a scardinare confini e limiti spaziali, aprendo varchi verso nuove dimensioni, come in “For Kiyoko” (2017), in cui Horvitz fotografa le stelle che immaginava sua nonna guardasse 75 anni prima dal campo di internamento giapponese in Colorado in cui era stata rinchiusa, oppure nell’installazione “The Distance of a Day” (2013), in cui l’artista espone due video realizzati contemporaneamente da lui e da sua madre in California e alle Maldive, uno al sorgere e uno al tramontare del sole nella stessa giornata.

 

David Horvitz - Abbandonare il locale, BiM - Dove Bicocca incontra Milano
David Horvitz – “Abbandonare il locale”, BiM – Dove Bicocca incontra Milano

David Horvitz - Abbandonare il locale, BiM - Dove Bicocca incontra Milano
David Horvitz – “Abbandonare il locale”, BiM – Dove Bicocca incontra Milano

Mescolando un approccio site-specific con un’attitudine performativa, e alternando lavori storici con nuove produzioni e oggetti trovati, Abbandonare il locale offre inoltre una lettura non convenzionale dell’etica e dell’estetica del posto di lavoro, piena di immaginari alternativi e possibili vie d’uscita.

Ne sono un esempio le bottigliette di plastica di “Imagined Clouds (Milan)” 2024, che nel contesto in cui si trovano possono sembrare rifiuti abbandonati dopo una giornata di lavoro, ma che in realtà offrono una riflessione sull’acqua come metafora dell’evasione, poiché passa dappertutto, non ha limiti e confini.

Oppure il progetto “Mood disorder” (2012), un autoscatto realizzato da Horvitz mentre simula uno stato di depressione e che l’artista ha caricato sulla pagina di Wikipedia dedicata ai disturbi dell’umore (e che, in quanto libera da copyright, è stata per anni riutilizzata da siti di informazione, blog e riviste, circolando al di fuori del suo controllo).

Abbandonare il locale è organizzata da BiM – Bicocca incontra Milano ed è realizzata con il generoso sostegno di ChertLüdde, Berlino e il supporto di Variant3D. Il progetto di allestimento e di illuminazione della mostra è a cura di SPECIFIC – laboratorio di progettazione e produzione creativa multidisciplinare formato da Patrick Tuttofuoco, Nic Bello, Alessandra Pallotta, Andrea Sala e Stefano D’Amelio – che ha lavorato nello spazio adattando gli elementi originali dell’ufficio.

 

David Horvitz, Imagined Clouds (Berlin), 2016; Water bottles from different supermarkets and shops in Berlin, Germany; Dimension variable.
David Horvitz, Imagined Clouds (Berlin), 2016; Water bottles from different supermarkets and shops in Berlin, Germany; Dimension variable.

David Horvitz - Abbandonare il locale, BiM - Dove Bicocca incontra Milano
David Horvitz – “Abbandonare il locale”, BiM – Dove Bicocca incontra Milano

Exhibition info: David Horvitz. Abbandonare il locale.
Una mostra a cura di Nicola Ricciardi .

When: 12 aprile – 30 giugno 2024.
Where: BiM – Dove Bicocca incontra Milano, Viale dell’Innovazione, 3 Milano.


Submit a Comment