Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | October 22, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

HOWLERS CREW - Alice in Borderland

HOWLERS CREW – Alice in Borderland

| On 24, Set 2020

Lunetta, Mantova: il murale di Howlers per il festival Without Frontiers.

di Redazione Art Vibes


Picture: HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020.


Without Frontiers, Lunetta a colori” è il festival mantovano di arte contemporanea e riqualificazione urbana che da diverse edizioni prosegue nell’operazione di rivoluzionare artisticamente e umanamente il quartiere di Lunetta.

Per questa nuova edizione, sempre a cura dell’associazione Caravan SetUp, e curato dalla critica d’arte Simona Gavioli ha adottato il capolavoro 
di Lewis CarrollAlice nel Paese delle meraviglie” come ispirazione. Il celebre Paese delle Meraviglie 
si sovrappone così idealmente a un quartiere pulsante di vita, in piena mutazione antropologica, sociale e culturale. I muri tornano ad essere membrane permeabili all’arte, soglie che portano a un altrove immaginato che qui riesce a prendere forma, i colori tornano dunque a conquistare la città.

Without Frontiers è un inno all’abbattimento delle frontiere attraverso l’arte, a favore di una continuità culturale capace di unire il centro della città alla sua periferia. 
Un esperimento artistico, sociale e culturale che continua a crescere e a far crescere il proprio territorio, offrendosi anche come spunto e nuova visione per altre periferie italiane e non solo. 


La manifestazione ha visto all’inizio del mese di settembre l’esibizione della Howlers Crew, collettivo artistico nato dall’incontro tra Francesca Melina e Gioele Bertin, autore del pezzo intitolato “Alice in borderland“.

 

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

Prendendo dunque spunto dal celebre romanzo di Lewis Carrol Alice nel paese delle meraviglie, attraverso la lettura datane da Gilles Deleuze, viene evocato nell’opera il concetto di paradosso mediante la rappresentazione di un processo di fusione e, al contempo, di scissione tra dimensioni identitarie, spaziali e temporali.

Come dice Deleuze il paradosso è innanzitutto ciò che distrugge il buonsenso come senso unico, ma, anche, ciò che distrugge il senso comune come assegnazione di identità fisse.

Alice diviene, all’interno della raffigurazione, simbolo ed emblema di un’identità in continua costruzione, distruzione e mutamento, di superamento del concetto di limite (inteso come confine) stesso.

Non esistono più confini spaziali e temporali tra gli elementi che costituiscono l’universo che ci circonda, interno ed esterno perdono di significato. Non vi è distinzione tra il corpo di Alice e gli elementi naturali e animali che la circondano: ogni parte dell’immagine ha significato in sé, ma senso solo nel suo complesso, andando oltre al concetto di designazione.

 

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

HOWLERS CREW - Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020
HOWLERS CREW – Alice in borderland, mural for (Without Frontiers, Lunetta a colori), Mantova, Italy, 2020

 

Howlers Crew – Note biografiche

Il collettivo artistico Howlers Crew nasce in Italia nel 2015 dall’incontro di Francesca Melina e Gioele Bertin. Da subito il duo ha coltivato la passione per l’arte muraria cercando di connettere territori e persone attraverso il medium artistico. Contano all’interno del loro curriculum diverse esposizioni personali e la loro ricerca artistica li porta a spaziare in differenti ambiti, dal design alla grafica.


– via: Art Vibes submission – photo credits & courtesy of: HOWLERS


Submit a Comment