Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | February 17, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Borondo - L O R E B E L T Z A

Borondo – L O R E B E L T Z A

| On 26, Gen 2020

Un dipinto in continua evoluzione, l’opera murale di Borondo a Vitoria-Gasteiz.

di Redazione Art Vibes


Picture: Borondo – L O R E B E L T Z A, mixed media on wall, 2018 / 2019, Vitoria – Gasteiz. photo credit: Vincent Cornelli (@streetlayers)


Creare un murale in continua trasformazione, questo il concept dietro l’opera di Borondo realizzata nel 2019 nel quartiere monumentale di Vitoria-Gasteiz in Spagna.

L O R E B E L T Z A è il frutto di una proficua collaborazione con il team di restauratori del Congresso Grupo Español de Conservación VI e il Ministero spagnolo della Cultura e dello Sport, ma non solo. Anche la popolazione locale è stata coinvolta nella realizzazione del pezzo: alcuni residenti sono stati invitati a posare per il visual finale, apportando una forte matrice identitaria nonché un’indelebile memoria locale.

Il motivo per cui è stato scelto Borondo è da ricercare nel suo costante e coerente interesse per il contesto che circonda gli interventi di arte pubblica. Dietro la superficie del muro c’è studio e sperimentazione, il muro inteso come supporto ma anche come protagonista principale della stessa dinamica lavorativa.

L’idea è stata quella di creare un dipinto in continua evoluzione, in grado di mostrare un risultato diverso al cittadino che lo osserva. La ricerca di una poetica del luogo, la connessione con il contesto originato dal coinvolgimento umano e il carattere mutevole della superficie murale hanno trasformato l’intervento in un vero e proprio evento artistico.

Un murale realizzato anche per studiare il processo di degrado dei differenti materiali impiegati. Goya sosteneva che “anche il tempo dipinge”, le condizioni ambientali diventano in questa occasione lo strumento pittorico.

Di seguito alcuni scatti dell’opera finale pubblicati sul profilo Instagram ufficiale dell’artista ad opera di Vincent Cornelli.

 

 

– via: instagram.com/gonzaloborondo – photo credit: © Vincent Cornelli


– website: instagram.com/gonzaloborondo


Submit a Comment