Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | October 22, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

BLOOP Festival - A year to remember the power of art

BLOOP Festival – A year to remember the power of art

| On 01, Ott 2020

Tre installazioni ad Ibiza per celebrare il tema della Memoria: BLOOP festival resiste e continua a cavalcare l’onda dell’Arte Proattiva.

di Redazione Art Vibes


Picture: Octavi Serra – Installation, BLOOP Festival Ibiza, 2020.


Una micro edizione di BLOOP Festival quella che è andata in scena quest’estate ad Ibiza. A dieci anni dalla sua nascita BLOOP torna sull’isola bianca e non si ferma di fronte ad un’emergenza sanitaria globale che ha costretto rinviare e/o a digitalizzare molti festival in tutta Europa.

Seppur in una veste rimaneggiata si è voluto cavalcare l’onda dell’arte proattiva, affrontando il tema della Memoria, celebrando un anno difficile da scordare, ribadendo il claim che da anni accompagna BLOOP: “Art is for everybody”.

Tra gli artisti intervenuti ricordiamo lo spagnolo Octavi Serra da Barcellona, e in particolare la sua installazione intitolata “CONTROL HEALTH“, un muro rosso su cui campeggia una grande croce bianca composta da un mosaico di cartelli raffiguranti le celeberrime telecamere a circuito chiuso.
Una provocazione per mettere in dubbio l’eccessivo controllo messo in atto dalla società, un attentato alla libertà di ognuno di noi.

Emilio Cejalvo & Silva Ramacci, entrambi artisti già protagonisti a BLOOP, hanno partecipato realizzando un murale dai toni astratti da cui emerge la frase di Don QuijoteMis pensamientos corrieron a una distracción” (i miei pensieri sono diventati una distrazione).

Amadama invece ha colpito ancora sull’isola con un’installazione anamorfica liberamente ispirata al grande successo dei Beastie Boys. “You gotta fight for your right to party”, una citazione in salsa street, per omaggiare tutto il mondo della musica che ha reso grande Ibiza negli anni, un’intera industria del divertimento che si è fatta da parte di fronte all’emergenza sanitaria, subendo non pochi contraccolpi in chiave lavorativa.
Un pezzo giocoso che invita chi guarda a completare il significato della frase a seconda della prospettiva di visione scelta, anche se la verità è una: Ibiza è festa, Ibiza è festa, Ibiza è libertà!

Difficile dimenticare questo 2020: BLOOP ha deciso di cristallizzare gli eventi, di usare l’arte per cercare di illuminare le anime delle persone. Certo, senza la partecipazione del pubblico è difficile raggiungere quel senso di completezza anche per un’opera d’arte, ma raccontare l’anno bizzarro che si sta concludendo, aiuta a riflettere su determinati temi, avvicina le persone, stimola discussioni e dibattiti, attraverso la comunicazione di un’arte democratica comprensibile.

 

AMADAMA - You gotta fight for your right to party, Anamorphic installation, BLOOP Festival Ibiza, 2020
AMADAMA – You gotta fight for your right to party, Anamorphic installation, BLOOP Festival Ibiza, 2020

Silva Ramacci & Emilio Cejalvo - Installation, BLOOP Festival Ibiza, 2020
Silva Ramacci & Emilio Cejalvo – Installation, BLOOP Festival Ibiza, 2020

– via: Art Vibes submission – photo credits & courtesy of: facebook.com/bloopfestival


– website: biokiplabs.com


Submit a Comment