Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | February 25, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

| On 26, Gen 2021

La più grande crisi di fame nella storia del Venezuela ripresa attraverso gli occhi di Gregg Segal. Una raccolta fotografica che mira a sensibilizzare sui bisogni che madri e bambini venezuelani devono affrontare durante il loro viaggio di esilio.

di Redazione Art Vibes


Picture: ©Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee).


Undaily Bread è la serie fotografica firmata da Gregg Segal in collaborazione con l’agenzia per i rifugiati UNHCR, che racconta la storia di cinque famiglie che hanno lasciato tutto per attraversare a piedi il confine tra Colombia e Venezuela e iniziare una nuova vita. Ogni giorno centinaia di madri e migranti attraversano il confine venezuelano con direzione Bogotà, alla ricerca di un futuro migliore per i propri figli.

Dagli ingredienti dei pasti quotidiani alle pantofole, dai libri ai vestiti: emerge in questi scatti tutta la verità di un fenomeno migratorio in costante ascesa. La cruda realtà appare nero su bianco, istantanee che lasciano poco spazio alle parole.

Leggete le storie di questi giovani madri, nutritevi del loro coraggio e ricordate di non dare mai nulla per scontato.

 

UNDAILY BREAD – video courtesy of: Anderson

 

Gregg Segal – Undaily Bread

Arianny Chirinos ha messo nel suo zaino alcuni cambi di vestiti, un paio di giocattoli, medicine, pannolini, una bottiglia, foto di membri della famiglia e la sua Bibbia. Con il figlio Lucas e la figlia Alesia, ha percorso 976 chilometri da Maracaibo a Bogotá […] Ora vende dolci in Plaza Bolívar e anche se le cose potrebbero andare meglio, almeno la sua vita è più stabile che in Venezuela e i suoi figli possono mangiarne tre volte al giorno.

 

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)
Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

Nathalia Rodríguez, nove anni, ha camminato da Barquisimeto (Venezuela) a Bogotá con sua madre. Ha mangiato solo pane, cracker, arepas, patatine fritte, acqua, succhi, lecca-lecca e l’unica frutta che potevano permettersi, le banane. Sono passati 3 anni da quando Nathalia ha mangiato una mela. Le mele ora costano 5.000 bolivas in Venezuela, circa 12 dollari. Nonostante la strada difficile che ha percorso, Nathalia nutre ancora un forte sentimento di resistenza e determinazione “.

 

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)
Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

“La figlia di Yosiahanny sente il calcio del suo bimbo/a nel grembo materno. Ha fatto con la figlia il viaggio dal Venezuela sopravvivendo mangiando arepas e acqua. Sebbene la vita a Bogotà sia difficile, Yosiahanny è grata di poter mangiare più di una volta al giorno. Dice che ciò che rende tollerabile la crisi è l’amore “.

 

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)
Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

“Quando ho incontrato Williams, 7 anni, mi ha mostrato il suo zaino in cui portava alcune cose da casa, compresi i suoi ultimi compiti. Le mancano le arepas e lo stufato di pollo di sua nonna. Nel lungo cammino dal Venezuela c’erano solo pane, acqua, biscotti e frutta da mangiare”

 

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)
Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

Michell, madre single, ha fatto il viaggio con i suoi due figli due volte. Durante il secondo tentativo, Michell ha avuto un attacco epilettico e ha perso conoscenza. Sedici giorni dopo è arrivata a Bogotà ed è stata ricoverata. In questo scatto, Michell affronta l’energia dei suoi figli, cerca di calmare la figlia mentre il maschietto mima di guidare l’autobus”.

 

Gregg Segal - Undaily Bread (The daily diet of a refugee)
Gregg Segal – Undaily Bread (The daily diet of a refugee)

– via: behance.net/gallery/92535333/Undaily-Bread – photo credits: ©Gregg Segal


– website: greggsegal.com


Submit a Comment