Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | June 21, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Jesus in Turin - Human experience

Jesus in Turin – Human experience

| On 20, Mag 2015

Il Gesù fake abbraccia tutti per le strade di Torino.

di Redazione Art Vibes


Quante volte vi sarà capitato di leggere in giro quelle scritte che dicono: “Gesù sta arrivando.”? A quanto pare è arrivato.
Giunge notizia che molti sostengono di averlo visto aggirarsi tra le strade di Torino, qualcuno grida al miracolo, altri al ritorno del messia.
No, niente di tutto questo, si tratterebbe solo di un ragazzo torinese che con barba incolta, piedi scalzi e una lunga tunica bianca si aggira nella città della Sindone, dispensando abbracci e parole di speranza.
Porta con sé una cesta con su scritto Jesus Crowfunding, per le piccole offerte della gente.
Qualcuno sostiene che la sua sia solo una provocazione, altri che sia solo un disoccupato che raccoglie qualche spicciolo grazie ai selfie con i turisti, qualcuno lo ama, molti lo criticano duramente.
Tuttavia Il Gesù fake non molla, continua la sua human experience (come lui stesso la definisce).
Va avanti ad abbracciare tutti, ad incontrare il suo prossimo, e lo fa a modo suo, con ironia, gioia e anche voglia di giocare, raccontando tutto nella sua pagina Facebook, Jesus in Turin, dove riporta anche le sue disavventure con la polizia.
Infatti in soli dodici giorni è già stato fermato svariate volte e finito in questura, alla domanda “ma quale legge sto violando?” si è sentito rispondere dagli agenti che viola la legge del buon senso.
Buon senso” ? Magari ce ne fosse nel nostro paese, invece di portare in questura un ragazzo che gioca all’evangelizzazione urbana, senza peraltro fare nulla di male, porteremmo in questura tanti altri, che ragazzi non sono più da tempo, che in comune con il vero Cristo non hanno assolutamente nulla e che ingordi e avidi di potere svenderebbero il popolo italiano per molto meno di trenta denari.
Comunque questo Gesù fake a me piace, sarà perché ci ricorda quanto sia importante riprendere a guardarsi negli occhi, sarà perché stringe le mani di tutti, sarà il fascino della tunica, non so, ma quasi, quasi corro a Torino per incontrarlo, perché di questi tempi un abbraccio non è poco, non è poco per niente.


– photo courtesy of: facebook.com/pages/Jesus-in-Turin

Jesus in Turin – Human experience
Jesus in Turin
Jesus in Turin

Jesus in Turin
Jesus in Turin

Jesus in Turin
Jesus in Turin

Jesus in Turin
Jesus in Turin
Jesus in Turin – Human experience

Further reading:

– Jesus in Turin facebook fan page: facebook.com/pages/Jesus-in-Turin


Submit a Comment