Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | December 8, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Daniel Arsham - 356 Bonsai: la bellezza nell’imperfezione

Daniel Arsham – 356 Bonsai: la bellezza nell’imperfezione

| On 24, Set 2022

L’accettazione dell imperfezione e la ricerca della pace nei processi naturali del tempo: Daniel Arsham reinterpreta la sua Porsche 356 Speedster ispirato dalla visione giapponese del Wabi-Sabi.

di Redazione Art Vibes


Picture: 356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG.


Nel suo ultimo progetto, Daniel Arsham rende omaggio all’artigianato giapponese attraverso un intervento sulla sua Porsche 356 Speedster del 1955. L’artista americano reinterpreta l’auto sportiva mettendo a nudo le materie prime che la compongono, abbracciando la ricca storia del veicolo attraverso il concetto estetico giapponese del Wabi-Sabi.

L’accettazione dell “imperfezione” e la ricerca della pace nei processi naturali del tempo si manifestano sia negli esterni in metallo grezzo spogliato che nel interni tinti con un tono indaco.

Per l’esterno della 356, Arsham ha rimosso tutta la vernice dall’auto, rimuovendo la finitura originale e anni di restauri, rivelando tutte le saldature, i segni e l’usura naturale. Solo uno strato di olio di lino protegge il metallo grezzo dalle intemperie, secondo i processi di produzione originali giapponesi. Sulla griglia motore posteriore del veicolo, Arsham ha aggiunto una forma di albero di Bonsai, un rilievo in bronzo patinato.

 

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

Sebbene l’esterno dell’auto possa sembrare usurato, la 356 Bonsai è completamente guidabile, con tutti i componenti relativi alla funzione, compreso il motore originale numerato, che sono stati riportati a livello da fuori fabbrica. Per i lavori tecnici, Arsham ha collaborato con Willhoit Auto Restoration e il Bridgehampton Motoring Club.

La 356 occupa una posizione così interessante all’interno del catalogo Porsche come punto di partenza per il marchio storico“, afferma Arsham. “Il veicolo di quasi 70 anni contiene le radici del moderno marchio Porsche che conosciamo e amiamo nella forma più pura”.
“Nel corso della mia carriera, ho guardato al Giappone come fonte di ispirazione per il loro amore e la loro dedizione all’artigianato. Queste sensibilità sono state la base per il Bonsai 356. Abbiamo prodotto tutti i tessuti in Giappone utilizzando artigiani tradizionali
”.

Per gli interni del veicolo, l’artista ha collaborato con gli stilisti giapponesi Motofumi “Poggy” Kogi e Yutaka Fujihara per vestire gli interni completi con tessuti tradizionali giapponesi, dal boro patchwork al denim cimosato giapponese. I sedile del conducente e del passeggero, insieme alla copertura del bagagliaio, sono realizzati con tessuti patchwork di boro su tinta indaco.

 

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

Originariamente, questa tecnica di rammendo giapponese veniva utilizzata per estendere la qualità e la durata degli indumenti, abbracciando la naturale usura degli indumenti da lavoro locali. Arsham ha aggiunto altro tessuto di cotone tinto indaco punteggiato da linee cucite sashiko sul rivestimento delle portiere e sul bordo dei sedili. Come tessuto finale, Arsham e il team hanno prodotto un denim giapponese per rivestire il tetto, coprendo l’interno dell’auto. Questi tre tessuti si uniscono per migliorare l’influenza del Wabi-Sabi sull’auto nel suo insieme.

Nel bagagliaio, un tatami giapponese si trova sotto la ruota di scorta nel bagagliaio. Realizzate in paglia di riso, queste stuoie sono un elemento classico dell’architettura giapponese e vengono solitamente montate come rivestimento per pavimenti nelle zone giorno. La connessione tra l’interno dell’auto e l’architettura della casa è un dettaglio che strizza l’occhio all’ammirazione dell’artista per l’omotenashi.

 

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG
356 Bonsai, Arsham Studio, 2022, Porsche AG

– via: porsche.com


Submit a Comment