Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | April 16, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Solomostry - Signum

Solomostry – Signum

| On 21, Ott 2022

Stupore, meraviglia, tensione, inquietudine: la forza delle linee che delinea il valore del segno nel tempo. Roma: la personale di Solomostry presso Wunderkammern.

di Redazione Art Vibes


Picture: Solomostry – Milano, 2022. Photo Credit: Letizia Cigliutti.


Signum è il titolo dell’esposizione dell’artista milanese Solomostry che si inaugura nella sede romana dell Wunderkammern di Roma di Via Giulia 180, Sabato 22 ottobre e in allestimento sino al 26 novembre.

Curata da Giuseppe Pizzuto, la mostra è incentrata sul valore del segno nel tempo e rappresenta l’intersecarsi delle linee che formano la nostra storia. “Tracciando, lasciamo il segno di quello che è stato, di chi è passato, di ciò che non vogliamo dimenticare, sovrastiamo ciò che non ci piace o contrastiamo quello che c’è già” dice l’artista.

Solomostry trae ispirazione dalla realizzazione delle sue particolari ceramiche, che a loro volta si ispirano ai vasi etruschi e greci pervenuti fino a noi nonostante le intemperie del tempo. Le ceramiche di Solomostry sono un’interessante rilettura contemporanea di tutto ciò e rivelano non solo un forte interesse a quanto è passato, ma anche al segno lasciato dal tempo. Da qui nasce l’idea che l’artista che ha traslato nella street art: “Sui muri niente è per sempre – dichiara – ogni strato è vivo fin quando un altro strato è pronto per raccontare una nuova storia, andando così a coprire il precedente”.

L’interesse di Solomostry è infatti quello di analizzare la sedimentazione dei diversi segni lasciati nel corso del tempo e a chi vi sopravviverà, rappresentando insieme passato, presente e futuro.

La caratteristica dell’Opera di Solomostry mette in evidenza un tratto sporco, grezzo, con passate di colore spesse che modellano figure geometriche: volti di incubi che attraverso i loro occhi scrutanti – segno distintivo dell’artista – trasmettono forti emozioni, sentimenti e inquietudini.

 

Solomostry - Milano, 2016. Photo credits: Guido Borso
Solomostry – Milano, 2016. Photo credits: Guido Borso

Meraviglia e stupore, ma anche un po’ di paura. Le linee di Solomostry si combinano e si scombinano fino a creare espressioni difficili da decifrare. In questa tensione, in questo dubbio, sta l’essenza della mostra. Concentrandosi sul segno e sul tempo, ci arriva dai mostri una sorta di memento mori.” Così descrive l’Opera dell’artista il curatore e direttore Giuseppe Pizzuto.

Ventiquattro sono i lavori che compongono Signum, che spaziano dalla pittura alla scultura: dalle splendide ceramiche dipinte a mano e incise, alla serie realizzata su lamine di stampa di rotativa adoperate per realizzare pagine di giornali risalenti alla data del 2012, anno di grande importanza per l’artista, allusivo alla fine del mondo annunciata dall’antico calendario Maya. 

Sono queste opere uniche, perché mai realizzate prima, inedite, e impossibili da replicare poiché la loro unicità è data proprio dall’utilizzo della lamina del giornale. Si aggiungono ulteriori lavori con il suo segno di riconoscimento impresso sulla tela, volontà di lasciare un’impronta e una traccia che sopravviva al futuro, oltre a quadri di grandi dimensioni su legno, testimonianza del passaggio di Molti.

Sono allestiti anche due stendardi di grande formato volti ad inglobare lo spettatore come sfondo per realizzare fotografie: la fotocamera è il modo più immediato per conservare storia, memoria e ricordi. In ultimo è prevista la presentazione di un catalogo dal titolo: “Random from my phone 2021/2022”, impaginato utilizzando unicamente gli screenshot della libreria fotografica del cellulare dell’artista con data e luogo impostati di default. 

 

Solomostry - Milano, 2017. Photo credit: Solomostry
Solomostry – Milano, 2017. Photo credit: Solomostry

 

Solomostry – Note biografiche

Solomostry nasce a Milano nel 1988. Dopo la laurea in Graphic Design e Art Direction, fa il suo ingresso nella street art con la realizzazione di graffiti intorno al 2000. Nel 2007/8 inizia a collaborare con un club techno di Milano dove si occupa di creare scenografie e, da quel momento, nasce SOLOMOSTRY come lo conosciamo oggi. A renderlo noto le sue raffigurazioni di incubi e mostri notturni dai quali si sente inseguito dalla notte all’alba, che diventano il simbolo della sua arte. Mostri disegnati sui muri utilizzando gli stessi strumenti adoperati per i graffiti come pennelli, spray, rulli.

L’artista plasma il suo stile con occhio grafico, ricercando uno stile incisivo e facilmente riconoscibile, niente sfumature o luci ed ombre. La ricerca è improntata sulla forza della linea, che può essere pulita e grafica o sporca e gocciolante, ma che sempre si avvale di una palette di colori forti e vivaci.

 

Solomostry - Crossed Red_(2022), Spray, ink and metallic varnish on jute canvas, 150,5x180 cm. Photo credits: Vittorio Lico
Solomostry – Crossed Red_(2022), Spray, ink and metallic varnish on jute canvas, 150,5×180 cm. Photo credits: Vittorio Lico

Solomostry - Milano, 2022. Photo Credit: Letizia Cigliutti
Solomostry – Milano, 2022. Photo Credit: Letizia Cigliutti

Solomostry - Cagliari, 2018. Photo credit: Solomostry
Solomostry – Cagliari, 2018. Photo credit: Solomostry


– via: Art Vibes submission


– Photo credit: Solomostry.

Exhibition info: Solomostry – Signum, a cura di Giuseppe Pizzuto.

When: 22 ottobre – 26 novembre 2022.
Where: WUNDERKAMMERN, via Giulia 180, 00186, Roma.


Submit a Comment