Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | September 23, 2021

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Orgasmatron Redux - Installazione di Norma Jeane per Le Serre dei Giardini

Orgasmatron Redux – Installazione di Norma Jeane per Le Serre dei Giardini

| On 02, Set 2021

Tra mito, intuizione e pratica pseudo scientifica: Orgasmatron Redux, un dispositivo che riunisce differenti tecniche di stimolazione della sessualità in un’unica esperienza.

di Redazione Art Vibes


Picture: Orgasmatron Redux – Installazione di Norma Jeane per Le Serre dei Giardini.


Una scienza che tanto poco sa del sesso quanto dell’arte ha messo in giro la voce che nell’opera d’arte la sessualità dell’artista verrebbe ‘sublimata’. Che bella funzione dell’arte, quella di far risparmiare il bordello! Ma il bordello ha una funzione ancor più sottile, quella di far risparmiare la sublimazione per mezzo di un’opera d’arte. (Karl Kraus)


ORGASMATRON REDUX è un accumulatore orgonico concepito da Norma Jeane e realizzato seguendo scrupolosamente i progetti originali di Wilhelm Reich. L’installazione è equipaggiata da un impianto audio a due canali opposti che trasmette toni binaurali calibrati per indurre abbandono erotico. La seduta interna è quotidianamente impregnata da Androstenone, Androstenolo e copuline (il complesso feromonico umano sia maschile che femminile) e l’ambiente è illuminato da una luce rossa con una frequenza ideale per stimolare il sistema endocrino e la libido degli ospiti.

Tlazolteotl, Qadesh, Chuang Mu, Bastet, Turan, Afrodite, Eros, Kurupi, Parvati, Lalla Aisha, Nanaya, Freyr e Živa saranno i compagni di viaggio di chi vorrà mettersi alla prova dentro la scatola del piacere e del desiderio.

Il dispositivo è installato e visitabile dal 1 settembre all’interno di Serra Madre, la nuova area delle Serre dei Giardini Margherita, a Bologna, un luogo dedicato alla creazione di un dialogo tra arte, ricerca e impresa, per problematizzare e affrontare insieme le sfide della contemporaneità, a partire dai temi ambientali. L’accesso è consentito esclusivamente a una persona per volta per max 15 minuti.

Norma Jeane – vero nome di Marilyn Monroe – è lo pseudonimo di un* artista che non intende essere identificato/a. Riguardo alla sua biografia, le uniche informazioni trapelate sono che è “nata a Los Angeles il 5 agosto del 1962, lo stesso giorno in cui è morta Marilyn Monroe”. L’assenza fisica totale che l’artista ha deciso di rispettare si materializza nelle persone che di volta in volta coinvolge nel progettare e realizzare le proprie opere, installazioni e performance.

ORGASMATRON REDUX è stato realizzato grazie al contributo di Salvatore Cottu per la lana, alle competenze chimiche di Stefania Bonan e al paziente lavoro di Alessandro Aiello, Alessandro Eusebi e Davide Sorlini per la realizzazione di tutta l’opera.

 

Wilhelm Reich e la teoria orgonica

Nel 2011 Christopher Turner, antropologo e collaboratore di riviste (Cabinet, London Review of books) e quotidiani (The Guardian, Sunday Telegraph) riceveva importanti riconoscimenti internazionali per la pubblicazione di un saggio del tutto particolare: Adventures in the Orgasmatron: How the Sexual Revolution Came to America (ed. Farrar, Straus and Giroux).

Attraverso interviste e accurate ricostruzioni storiche Turner descrive la singolare parabola professionale e umana di Wilhelm Reich che, da psicoanalista di fama mondiale e braccio destro di Sigmund Freud, dopo la fuga dall’Austria a causa dell’ascesa al potere di Hitler, si ritrovò negli Stati Uniti a essere un bersaglio del maccartismo per le sue teorie che individuavano in una radiazione di fondo, da lui denominata “energia orgonica”, la matrice universale della vita biologica.

In seguito a questa (presunta) scoperta, Reich creò una serie di strumenti terapeutici per curare vari disturbi e malattie. Il più celebre è l’accumulatore orgonico: una grande scatola con pareti, di legno esternamente e di lamiera internamente, riempite con strati alternati di lana di pecora non trattata e lana d’acciaio. Questa particolare gabbia di Faraday concentrerebbe al proprio interno una grande quantità di energia orgonica (leggi sessuale; il termine deriva infatti dalla parola “orgasmo”) che colmerebbe le carenze di chi vi permane all’interno per almeno 15 minuti, ripristinando una piena carica della libido. Condizione questa necessaria per mantenere sano l’organismo umano.

Le ricerche dello scienziato austriaco lo condussero all’arresto da parte dell’FBI e, infine, dopo otto mesi di reclusione, alla morte in carcere nel 1957. Woody Allen fece in seguito una parodia dell’accumulatore orgonico nel suo film Il dormiglione (Sleeper, 1973) chiamandolo Orgasmatron.

La teoria orgonica, tuttavia, non è l’unica che nel campo delle ricerche scientifiche o pseudo scientifiche abbia l’obiettivo di aumentare la propria libido o di attrarre sessualmente altre persone. Ne sono un esempio i feromoni e gli altri mediatori chimici di attrazione sessuale (come le copuline: la frazione di acidi grassi contenuta nel secreto vaginale).
Sebbene i feromoni siano ben noti e studiati in ambito animale (es. uso diffuso in agricoltura per costruire trappole contro gli insetti), rimane incerta la ricerca sugli esseri umani salvo che in pochi casi circoscritti (es. allineamento del ciclo mestruale in comunità di donne in coabitazione costante e prolungata: carcere, collegio, convento). La percezione comune avvalora comunque il ruolo dei feromoni (a questo ci si riferisce usando l’espressione “c’è chimica”) e le copuline sono spesso utilizzate per la creazione dei profumi da donna.

Un altro ambito di ricerca legato alla sessualità è quello dei cosiddetti toni (o battiti) binaurali. Il fenomeno è stato identificato nel 1839 da Heinrich Wilhelm Dove e successivamente approfondito e applicato in vari ambiti. Si tratta in parole povere di due suoni con frequenze basse e molto simili tra loro che percepiti separatamente inducono il cervello (più precisamente il ponte di Varolio) a produrre una frequenza intermedia che viene percepita come battimento acustico.
Questo fenomeno ha numerose applicazioni tra cui indurre la produzione di ormoni (es. beta-endorfine) ed è massimamente percepito dalle donne fertili durante l’ovulazione (ciclo degli estrogeni). Dal 2008 il sito i-doser.com commercializza file con toni binaurali destinati a suscitare diverse sensazioni, dall’allucinazione all’erotizzazione. Nella fase di lancio del sito la stampa internazionale bollò il fenomeno come la nuova droga digitale.

Infine la cromoterapia, disciplina che avrebbe avuto origine nell’antico Egitto e di cui ricorrono tracce nella medicina greca e persiana (Avicenna) e nella tradizione ayurvedica (a ogni chakra è associato un colore). Il test dei colori dello psicologo svizzero Max Lüscher è stato utilizzato per selezionare il personale di numerose istituzioni civili e militari internazionali tra cui la US Navy e il Ministero degli Interni italiano. L’associazione dei colori a stati d’animo diversi è talmente comune e consolidata che non si sbaglia nel pensare che il tono assegnato alla sessualità da tutte le discipline che si basano sull’uso selettivo dei colori sia il…rosso. Ovvio.

Nessuna delle discipline sopra descritte ha mai ricevuto una vera e propria validazione scientifica. Eppure, nessuna di queste è stata confutata in modo certo. Si tratta di un ambito che oscilla tra mito, intuizione e pratica pseudo scientifica. È una materia evanescente che rende più inclini al desiderio che alla certezza e, proprio la sua natura ambigua e invitante, ha suggerito la creazione di un dispositivo che riunisca tutte le tecniche di stimolazione della sessualità sopra descritte in un’unica esperienza, sicuramente mitica, potenzialmente esagerata, inevitabilmente eccitante: ORGASMATRON REDUX, l’eccitatore definitivo.


– via: Art Vibes submission


Exhibition info: Orgasmatron Redux – Installazione di Norma Jeane per Le Serre dei Giardini

When: Inaugurazione mercoledì 1 settembre alle ore 18, in collaborazione con Kilowatt e MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna.
Where: Le Serre dei Giardini, Bologna.


Submit a Comment