Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | January 18, 2018

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Mozes Incze e Alexandra Nadas - Renaissance Now

Mozes Incze e Alexandra Nadas – Renaissance Now

| On 12, Gen 2018

Narrazioni ipertestuali e ultra contemporanee che affondano le radici pittoriche nella tradizione culturale rinascimentale.

di Redazione Art Vibes


Picture: Mozes Incze – Transition, 2017, olio su tela, cm 110×160


Area35 Art Gallery di Milano presenta “Renaissance Now. Mozes Incze e Alexandra Nadas” (31 gennaio – 1 marzo), a cura di Lena Ilona Orosz, una mostra che nasce dalla volontà della galleria di aderire al progetto BudArtPest, il cui obbiettivo è creare ponti culturali internazionali e nuove connessioni attraverso l’arte di artisti ungheresi e la comunità intellettuale mitteleuropea.

Gli artisti ungheresi Mozes Incze e Alexandra Nadas attraverso i loro lavori rappresentano le tradizioni culturali comuni tra Italia e Ungheria, in particolare il legame al Rinascimento e allo stesso tempo esprimono nuovi valori legati alla società internazionale, alla tecnologia iperconnessa e al mondo virtuale, elementi integranti della quotidianità attuale.

L’arte di Mozes Incze, basata sulla tradizione pittorica europea, propone corpi, luci e atmosfere che richiamano stili rinascimentali e classici in cui la descrizione degli elementi naturali è netta e dettagliata. Un ulteriore elemento domina la scena minacciando il tradizionale binomio “Uomo e Natura”: si tratta del “Linguaggio Macchina”, strettamente connesso all’ambito computeristico, che vorace e feroce si avventa sui due cercando di divorarli diventando una sorta di Iperuranio.

 

Mozes Incze - Intervention, 2013, olio su tela, cm 150x110
Mozes Incze – Intervention, 2013, olio su tela, cm 150×110

Mozes Incze - Lunch, 2013, olio su tela, cm 150x110
Mozes Incze – Lunch, 2013, olio su tela, cm 150×110

La natura non domina la scena anzi, spesso appare confinata in piccoli oggetti come vasi e coppe o la si scorge all’interno delle curve di un corpo, mentre la dimensione umana è talvolta evocata dal delicato cerchio di un nastro rosso che nel tempo è diventato la firma dell’artista. Le ambientazioni ricreate sono soprattutto dimensioni cibernetiche, luoghi desolati, senza tempo e senza una precisa connotazione, disseminati di schermi led, cellulari, flash che aggiungono ulteriori significati alla composizione.

Si tratta di spazi non identificati osservati attraverso un’interfaccia neurale, anello di congiunzione tra uomo e computer. L’artista dipinge un’ipotetica ascesi umana sia biologica che spirituale che scaturisce dal rapporto a volte di schiavitù, a volte di complicità, con la nascente e ingombrante intelligenza artificiale.

Meticolose descrizioni pittoriche si alternano a macchie caotiche e a gesti di scomposizione creativa: sostanze indefinite prendono il posto della forma solida e sembrano esseri viventi e palpitanti – come intenzionati a corrodere la superficie della tela – che catturano lo spettatore. I soggetti, spesso indaffarati nel loro lavoro, sembrano galleggiare in uno spazio che appartiene al reale tanto quanto al virtuale; strumenti elettronici come cavi usb e prese di corrente fanno capolino tra elementi di natura morta, il paesaggio è spesso ridotto al cameo di uno schermo acceso. Tutti gli elementi compositivi accentuano il contrasto tra i contenuti reali e quelli virtuali, sottolineando la narrazione di un mondo “ipertestuale“.


Mozes Incze nasce nel 1975, si diploma alla Hungarian University of Fine Arts, è insignito di numerosi premi a livello nazionale fra cui il Koller prize nel 2011e l’Horvath Prize nel 2016. Presente nella scena artistica ungherese, soprattutto nelle prestigiose gallerie della capitale, ha fondato nel 1997 con altri artisti la Élesd Art Colony fornendo un importante contributo di qualità alla scena delle arti in Ungheria. Ha esposto in mostre personali e collettive, fra cui si ricordano anche quelle in Italia e in Svizzera, ricevendo riconoscimenti di talento a livello internazionale.

 

Alexandra Nadas

Nelle opere di Alexandra Nadas il legame alla tradizione tecnica e stilistica del Rinascimento è molto evidente nella scelta dei materiali, tavole realizzate con colori ad olio e tempera e nei soggetti, paesaggi, architetture e ritratti. Tuttavia, l’artista interviene con soluzioni che mutano sostanzialmente i caratteri del passato per una lettura in chiave contemporanea. Gli elementi architettonici per esempio, pur essendo una presenza costante come nelle opere rinascimentali, sono reinterpretati in chiave lirica e narrativa.

Case, stanze, piazze sono riprese dal quotidiano, dal comune, dall’intimo della vita di tutti i giorni, non sono più l’elemento archetipo di solidità e di fondazione. Questo ruolo viene ampiamente interpretato dal ritratto e in particolare dalle madonne profane, figure riprese dal passato, ieratiche e iconiche, maestose nella loro bellezza, misteriose e imperturbabili che diventano il centro dell’intera composizione.

 

Alexandra Nadas - A halász asztala, 2017, olio su tavola, cm 70x100
Alexandra Nadas – A halász asztala, 2017, olio su tavola, cm 70×100

L’artista crea scenografie legate al mondo reale, attraverso paesaggi contemporanei parzialmente trasfigurati e stralci di vita moderna, dove vengono inseriti elementi che suscitano stupore per la loro collocazione non consona ad un impianto tradizionale della scena. Centro della ricerca di Alexandra Nadas è la lettura del presente attraverso il passato che trova espressione attraverso una stratificazione di differenti componenti: fisica, virtuale, mentale e spirituale.


Alexandra Nadas nata a Budapest nel 1974, si è diplomata presso la Hungarian University of Fine Arts ed è attiva nel panorama artistico ungherese e internazionale. Dal 1996 ha partecipato a numerose esposizioni collettive e personali, in spazi pubblici e privati, ottenendo importanti riconoscimenti istituzionali.

 

Alexandra Nadas - Profán Madonna IV, 2017, olio su tavola, cm 45x30
Alexandra Nadas – Profán Madonna IV, 2017, olio su tavola, cm 45×30

Mozes Incze - Cloudcatcher, 2015, olio su tela, cm 110x140
Mozes Incze – Cloudcatcher, 2015, olio su tela, cm 110×140

Mozes Incze - Round Roper, 2014, olio su tela, cm 30x35
Mozes Incze – Round Roper, 2014, olio su tela, cm 30×35

– via: Art Vibes submission – images via: Irma Bianchi


Exhibition info: Mozes Incze e Alexandra Nadas – Renaissance Now, a cura di Lena Ilona Orosz

When: 31 gennaio – 1 marzo 2018. Inaugurazione 30 gennaio, ore 18.30 – 21.30
Where: AREA35 Art Gallery, Milano, via Vigevano 35.


Submit a Comment