Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | October 25, 2021

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Marta Riniker-Radich - Patience Will Reward Those Who Lie in Wait

Marta Riniker-Radich – Patience Will Reward Those Who Lie in Wait

| On 30, Set 2021

Istituto Svizzero: una nuova serie di disegni di Marta Riniker-Radich sul tema della pressione sociale e psicologica in rapporto alle condizioni di lavoro.

di Redazione Art Vibes


Picture: (from left to right). Marta Riniker-Radich, Untitled, 2021, colored pencil and pencil on paper, 21 x 29,7 cm. Photo © Giulio Boem. Marta Riniker-Radich, No Fly- by-Night Pamphleteer, 2021, colored pencil and pencil on paper, 21×29,7cm. Photo © Giulio Boem.


L’Istituto Svizzero presenta ‘Patience Will Reward Those Who Lie in Wait’, la prima mostra personale dell’artista svizzera Marta Riniker-Radich.

Rinomata per i suoi disegni a matita di piccolo formato, Riniker-Radich presenta una nuova serie di disegni sul tema della pressione sociale e psicologica in rapporto alle condizioni di lavoro. Attraverso un immaginario surreale, l’artista indaga le modalità con cui la vulnerabilità, le insicurezze e le paure sono connesse all’odierno mondo professionale e alla società sempre più esigente.

Patience Will Reward Those Who Lie in Wait è influenzata da studi sociologici e sui resoconti circa gli ambienti di lavoro impersonali ed estremamente burocratici dei colletti bianchi che si sono rapidamente diffusi a partire dagli anni Cinquanta. Nella mostra l’artista combina frammenti testuali tratti dal libro White Collar.

The American Middle Classes, scritto nel 1951 dal sociologo C. Wright Mills, con disegni fortemente dettagliati di ginocchia umane – una delle parti più fragili di tutto il corpo. In altri disegni, allo stesso tempo, accenna alla figura del lavoratore e della lavoratrice perennemente disponibili e ossessivi con le penne nel taschino della camicia, oppure al fenomeno del così detto ‘ostrich pillow’, un aiuto per il sonno per sfuggire allo stress dell’ufficio e sottrarsi alla monotonia della giornata lavorativa.

 

Marta Riniker-Radich, No Grace Period, 2021. 30 colored pencil and pencil on paper; inkjet print and various materials on paper, all 21 x 29,7 cm, wooden frames, 7 vitrines 100 x 170 x 92 cm, plexiglass. Photo © Giulio Boem
Marta Riniker-Radich, No Grace Period, 2021. 30 colored pencil and pencil on paper; inkjet print and various materials on paper, all 21 x 29,7 cm, wooden frames, 7 vitrines 100 x 170 x 92 cm, plexiglass. Photo © Giulio Boem

I disegni, alcuni dei quali sono esposti come una sorta di ‘Gesamtinstallation’ in vetrine appositamente prodotte, veicolano sempre l’umorismo e l’ambiguità di Marta Riniker-Radich. Allo stesso tempo, il senso di terrore che evocano risuona con noi a livello personale, poiché si riferisce una vita lavorativa quotidiana che ci è ben nota, e riflette anche sulla sua esistenza come artista in un ambiente altamente competitivo.

 

Marta Riniker-Radich – Note biografiche

Marta Riniker-Radich (1982, Berna, vive e lavora a Francoforte sul Meno) ha sviluppato una pratica disegnativa fondata sull’utilizzo di mezzi semplici, che tuttavia è intensificata dal suo uso del colore e delle tecniche di stratificazione.

Creati in serie e realizzati quasi esclusivamente in formato A4 con matite colorate, i suoi disegni funzionano come porzioni di una realtà astratta e interagiscono con opere in altri media, come testi, oggetti e installazioni site specific, per creare narrazioni più ampie.
I suoi progetti sono spesso ispirati da avvenimenti e situazioni storiche specifiche, come la crisi dell’elettricità in California della fine degli anni Novanta, o l’industria petrolifera in Texas.

Questi temi di ricerca sono traslati in una rete di simboli e narrazioni fittizie che evidenziano l’impatto delle realtà socio-politiche ed economiche sullo sviluppo del comportamento umano. Le strutture di potere, sia aziendali che individuali, il clientelismo, l’insicurezza e la regressione all’infanzia sono tra i temi che emergono nel suo lavoro.

Marta Riniker-Radich ha studiato alla HEAD di Ginevra e ha preso parte a numerose residenze artistiche (Fieldwork Marfa, Studio Roma/Istituto Svizzero, Landis & Gyr Stiftung a Londra, tra le altre). Il suo lavoro è stato esposto a livello internazionale e ha ricevuto lo Swiss Art Award (2010) e il Manor Kunstpreis (2016). Mostre recenti includono: Swiss Institute, New York, Kunsthaus Glarus, ed Eclair, Berlino.

 

Marta Riniker-Radich, No Grace Period, 2021. 30 colored pencil and pencil on paper; inkjet print and various materials on paper, all 21 x 29,7 cm, wooden frames, 7 vitrines 100 x 170 x 92 cm, plexiglass. Photo © Giulio Boem
Marta Riniker-Radich, No Grace Period, 2021. 30 colored pencil and pencil on paper; inkjet print and various materials on paper, all 21 x 29,7 cm, wooden frames, 7 vitrines 100 x 170 x 92 cm, plexiglass. Photo © Giulio Boem

– via: Art Vibes submission


Exhibition info: Marta Riniker-Radich – Patience Will Reward Those Who Lie in Wait

When: 16 settembre – 30 ottobre 2021.
Where: Istituto Svizzero, via del Vecchio Politecnico 3, Milano.


Submit a Comment