Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | February 25, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Gerico - Itinerario dell’immagine nei labirinti della pittura dal 1968 al 2015

Gerico – Itinerario dell’immagine nei labirinti della pittura dal 1968 al 2015

| On 15, Nov 2015

I cicli e i percorsi artistici del pittore vogherese in mostra a Pavia.

di Redazione Art Vibes


Piero Geri, in arte Gerico, presenta fino al 22 novembre 2015 presso lo Spazio per le arti contemporanee del Broletto di Pavia la propria mostra personale, una ricca selezione di opere che ripercorre tutti i cicli e i percorsi artistici dell’autore. Ci sono le nature morte o meglio, le “nature in posa” come le definisce l’artista: esposte frontalmente sul piano prospettico dell’asse contro la superficie unita del fondo, con lo studiato equilibrio formale che hanno le statue del frontone di un tempio greco.

Gerico si forma da autodidatta e debutta nel 1968 con le sue “Prove tecniche di trasmissione”. Da lì inizia una carriera tutta in salita, caratterizzata da una continua trasformazione, da un’alternanza di fasi evolutive. Parte come surrealista, poi nel corso degli anni la sua ricerca si indirizza verso il rapporto tra natura, uomo e macchina, che rappresenta con una tecnica iperrealista, largamente rappresentata in mostra.

Gerico - Il ratto di Daianira (Dante e Ovidio 2008), acrilico su tela lino, cm 100x150
Gerico – Il ratto di Daianira (Dante e Ovidio 2008), acrilico su tela lino, cm 100×150

D’altra parte, spiega, l’arte per definizione non può mai essere statica, e l’artista ha un bisogno innato di sperimentare, di cercare nuovi moduli espressivi, di non sentirsi ingabbiato dentro un’etichetta predefinita: per sfuggire al rischio della monotonia, della ripetizione, dello stereotipo, che lo vuole ancorato a un certo modello artistico-culturale“.
La pittura di Gerico sfiora la metafisica e, passando per il classicismo, reinventa e reinterpreta miti, attualizzandoli. La componente onirica è latente in ogni opera, e sullo sfondo resta un provocante senso della storia e delle singole storie.

Gerico ha scelto un nome criptico e noto al tempo stesso, di certo evocativo come la sua espressione pittorica. Piero Geri classe 1946 è nato a Somma Lombardo, ma da sempre vive a Voghera. Mi sento pittore nel senso di una professione vissuta giorno dopo giorno. Cerco di perfezionare in continuazione tecniche e contenuti, spiega.

La casa-studio di Gerico è come un secretaire dell’Ottocento: ogni cassetto nasconde un segreto. Fogli di appunti, schemi, bozzetti, Gerico prima di dipingere progetta, studia, nulla è lasciato al caso. Non c’è creazione esplosiva e incontrollata, i colori e le forme seguono regole. La sfida è più difficile, impegnativa, ma i codici raccontano di un pittore-artista che non si accontenta di ciò che vede. Perché ciò che vedi è un artificio frutto di immaginazione razionale.
 

Gerico - Giove (autoritratto) e l' aquila, (Dante e Ovidio 2011)
Gerico – Giove (autoritratto) e l’ aquila, (Dante e Ovidio 2011)

Nei suoi cicli si rivede questa fatica di pensare prima di colorare, dal rapporto uomo-macchina degli anni Settanta (culminato con una antologica alla Galleria Rotta di Genova) al «museo vivo» degli anni Ottanta in cui Gerico, anticipatore di ciò che sarà il dominio dei reality tv, pone entro immaginari set televisivi i capolavori del passato (“I bari” del Caravaggio, “La scuola di Atene” di Raffaello, “La veduta di Delft” di Vermeer).
Dalle nature morte, cosi metafisicamente reali perché studiate nel suo laboratorio creativo, che sfondano nelle gallerie francesi e italiane alla “Vita Nova” di Dante e alle “Metamorfosi” di Ovidio, nelle quali l’artista entra nei gangli dei miti classici per offrire una raffigurazione che sa d’antico e d’avanguardia al tempo stesso, un narrazione del mito calata nell’ansia di conoscenza dell’uomo moderno.
 

Gerico - Aracne, ( Dante e Ovidio, 2006), acrilico su tela lino, cm 80x80
Gerico – Aracne, ( Dante e Ovidio, 2006), acrilico su tela lino, cm 80×80

Gerico - Minotauro, ( Dante e Ovidio, 2006), grafite su tavola gessata, 60x60 cm
Gerico – Minotauro, ( Dante e Ovidio, 2006), grafite su tavola gessata, 60×60 cm

Gerico - Predisposizionamento al consumo N.1, 1978, acrilico su tela lino 50x90 cm
Gerico – Predisposizionamento al consumo N.1, 1978, acrilico su tela lino 50×90 cm

Gerico - Effetto violenza come prodotto di consumo N.7, 1978, acrilico su tela lino 80x130 cm
Gerico – Effetto violenza come prodotto di consumo N.7, 1978, acrilico su tela lino 80×130 cm

Gerico - Effetto violenza come prodotto di consumo N.1, 1977, acrilico su tela lino 100x150 cm
Gerico – Effetto violenza come prodotto di consumo N.1, 1977, acrilico su tela lino 100×150 cm

Gerico - Predisposizionamento al consumo N.4, 1979
Gerico – Predisposizionamento al consumo N.4, 1979

Gerico - Natura in posa, acrilico su tela lino, cm 40x60 cm
Gerico – Natura in posa, acrilico su tela lino, cm 40×60 cm

– photo courtesy & credits: © Gerico


Exhibition info: Gerico – Itinerario dell’immagine nei labirinti della pittura dal 1968 al 2015

When: 7 – 22 Novembre 2015.
Where: Spazio per le arti contemporanee del Broletto di Pavia, Piazza Vittoria.


Further reading:

– Artist website: gericopittore.it


Submit a Comment