Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | April 21, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Fault Lines - 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante

Fault Lines – 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante

| On 18, Feb 2018

Rinegoziare i significati del linguaggio fotografico e artistico.

di Redazione Art Vibes


Nel linguaggio della geopolitica “Fault lines” è un confine tra due aree geografiche attigue in conflitto. (è anche un libro fotografico di Gerge Georgiou pubblicato da Postcart nel 2010)

Per rappresentare le cose sono necessari la linea e il limite, un confine, una cornice, così le possiamo catalogare, riconoscere, certificare e nominare in modo coerente, ci permettono un’apparente sicurezza nel tenere a bada tutte le incertezze nella nostra percezione del mondo.

A fare da contrappunto alle nostre emozioni messe in sicurezza, arriva la pratica artistica che genera immagini fragili, provvisorie, destabilizzanti, generando spazi e pensieri densi d’instabilità e trasparenza che però creano nuove possibilità permettendoci di ritornare sui nostri passi e rivedere con nuova progettualità le nostre precedenti certezze.

Tracciare un confine, una linea vuol dire istituire delle distinzioni, permettere delle coerenze interne, limitare i punti di contatto fra le parti per controllare i conflitti, determinare delle differenze, legittimare delle disuguaglianze. Il carattere fondamentale di un confine, del limite, della cornice, è segnalare il luogo di una differenza, reale o presunta che sia. La cornice distingue nettamente l’opera dal suo esterno, contribuisce racchiudendolo a rendere sensato e unitario l’interno.

 

Fault Lines - 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante
Fault Lines – 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante

Fault Lines - 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante
Fault Lines – 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante

 

Due aree geografiche… due autori

Prendendo come linee guida il lavoro di Daniel Buren e Joachim Schmid che attraverso linee, limiti, catalogazione e dogmi hanno realizzato tutta la loro produzione artistica e fotografica, cercheremo di fare emergere, attraverso la realizzazione di un Libro d’artista, un DUMMY quello che potremmo vedere come un altro confine, una modalità per andare oltre la mappa, per rinegoziare i significati del linguaggio fotografico e artistico

Essere artisti significa manipolare probabilità, imporre un ordine a ciò che altrimenti sarebbe caos… l’arte è sempre stata affascinata per un verso dalla maestria, per altro dal caso, nel tentativo di convocare forze che cadono fuori dal controllo dell’artista…

Tre giornate accompagnati da Raniero Bittante per definire e delimitare cosa è un libro d’artista. La sua nascita attorno agli anni’60 formava per fattori ideologici, un medium che tendeva alla democratizzazione dell’arte e alla dematerializzazione concettuale dell’oggetto artistico.

Attraverso un percorso teorico e di laboratorio ogni partecipante avrà la possibilità di progettare e di approfondire la conoscenza dei materiali e le molteplici idee per fare un libro-opera, un dummy, un libro-oggetto. Riferimenti storici e collegamenti ad opere di artisti e collezionisti che hanno lavorato alla sua produzione e circolazione ci aiuteranno a raggiungere l’obbiettivo finale: una mostra di tutti i progetti.

“La maschera (un’opera d’arte) non è anzitutto ciò che rappresenta, ma ciò che essa trasforma… ciò che sceglie di non rappresentare.”

Lévis Strauss


– via: Art Vibes submission – images courtesy of: Associazione Cultura e Immagine


Exhibition info: Fault Lines – 3° OFF.LAB a cura di Raniero Bittante. Presentazione: 20 febbraio ORE 21.00. Vecchia Pescheria, C.so Vendemini 51 Savignano s/R. Per informazioni ulteriori: Associazione Cultura e Immagine

When: 16 . 17 . 18 marzo 2018.
Where: Spazio Santevincenzidue, via sante e vincenzi 2, Bologna.


Submit a Comment