Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | April 20, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Codici Sorgenti - Visioni urbane contemporanee

Codici Sorgenti – Visioni urbane contemporanee

| On 07, Gen 2016

L’urbanizzazione dell’esperienza artistica degli ultimi 30 anni.

di Redazione Art Vibes


A Palazzo Platamone, simbolo dell’evoluzione secolare della storia della città di Catania dal tardo medioevo al rinascimento, va in scena fino al 18 gennaio 2016 una mostra che riunisce le opere di 60 artisti da 14 paesi, oltre 100 capolavori provenienti dalle più importanti collezioni internazionali per raccontare l’arte urbana contemporanea.
Anni ’80, New York e i Graffitisti del Bronx. Anni 2000, Europa-USA: gli Urbanisti. Anni ’10 del nuovo millennio, Internet: i Globalisti.
Queste le tre sezioni in cui si articola la mostra che ripercorre l’urbanizzazione dell’esperienza artistica degli ultimi trent’anni selezionando i talenti più importanti e significativi che hanno saputo conquistare sia il grande pubblico che il collezionismo internazionale.

 

B.Downey (USA) - Unauthorized collection of wood with vadalism, 2014
B.Downey (USA) – Unauthorized collection of wood with vadalism, 2014

In un solo progetto espositivo sarà possibile calarsi nella visione dei capolavori di tutte le figure che hanno maggiormente influenzato la cultura visiva globale contemporanea, dai graffitisti della New York degli anni ’80 alle nuovissime generazioni, per la prima volta raccolta in una narrazione unica e mai rappresentata prima che mette sotto gli occhi dello spettatore il percorso che ha portato la cosiddetta street art a diventare il movimento artistico globale che racconterà ai posteri il mondo all’epoca della prima globalizzazione.

Seth (FR) - Escape, 2015, spray e acrilici su lastra di zinco rivettata recuperata dai tetti di Parigi, tessuto, sbarre d'acciaio
Seth (FR) – Escape, 2015, spray e acrilici su lastra di zinco rivettata recuperata dai tetti di Parigi, tessuto, sbarre d’acciaio

Divisa in tre sezioni che raccontano la nascita, sviluppo interattivo e consacrazione del fenomeno, CODICI SORGENTI mostra per la prima volta insieme le opere di artisti iconici della contemporaneità: 108, A One, Agostino Iacurci, Alexis Diaz, Alexone, Bo 130, Boris Tellegen (a.k.a. Delta), Brad Downey, C215, Clemens Behr, Conor Harrington, Crash, Delta 2, Dondi White, Doze Green, El Seed, Ericailcane, Eron, Escif, Evol, Faile, Feitakis, Gaia, Herbert Baglione, Horfee, Inetresni Kazki, Invader, Jaz, Jeff Aerosol, Jenkins, Jonone, JR, Judith Supine, Kool Koor, L’Atlas, Lek&Sowat, Lucy Mclauchlan, Matt Small, Maya Hayuk, Mensanger, Miss Van, Momo, Moneyless, Peeta, Rammellzee, Retna, Roa, Seth, Philippe Baudelocque, Sharp, Shepard Fairey, Sten-Lex, Swoon, The London Police, Todd James, Toxic Vhils<.

Le opere, provenienti dalle più importanti collezioni private internazionali, costituiscono un’unicum nel panorama espositivo attuale che diviene insegnamento e monito: «In un mondo che s’uniforma ogni giorno di più» spiega il curatore Stefano S. Antonelli della Galleria 999Contemporary, «non potremmo difendere la ricchezza della diversità se non innalzandola a livello di un valore, cioè costituendola come categoria di pensiero.
Questi creatori contemporanei incarnano la coscienza e la speranza reattiva a questo processo involutivo, coloro che hanno compreso che il lavoro necessario è quello di mettere in cammino le proprie radici in contesti e formati eterogenei negando loro la possibilità di definire completamente la nostra identità. Un lavoro tutt’ora in corso che ha come principio fondante: scambiare piuttosto che imporre
».

Ad affiancare la mostra, il “dono” dell’artista Vhils al porto di Catania, luogo di scambio, di contaminazione, di vita, di lavoro. Alexandre Farto in arte Vhils, artista portoghese nato e cresciuto a Lisbona, figlio di una città che posa il suo sguardo da secoli su un intero oceano, ha realizzato un murales alto come un palazzo di dieci piani, largo come un campo da calcio, dipinto sugli otto silos granari in cemento che svettano nel porto della città etnea.

Il pezzo ritrae un uomo qualunque che guarda il mare, il simbolo dell’incontro tra le culture che nei secoli hanno definito l’identità siciliana.
 

Vhils, Alexandre Farto - Silos porto di Catania
Vhils, Alexandre Farto – Silos porto di Catania

Vhils, Alexandre Farto - Silos porto di Catania
Vhils, Alexandre Farto – Silos porto di Catania

 

Codici Sorgenti – Visioni urbane contemporanee

Boris Tellegen a.k.a. DELTA (NL) - A Concrete Toy, 2015, cemento stampato
Boris Tellegen a.k.a. DELTA (NL) – A Concrete Toy, 2015, cemento stampato

Shepard Fairey (USA) - Peace, 2007, serigrafia su legno.
Shepard Fairey (USA) – Peace, 2007, serigrafia su legno.

ROA (BE) - Owl, 2014
ROA (BE) – Owl, 2014

Interesni Kazki - (AEC) 2012
Interesni Kazki – (AEC) 2012

JR (FR) 2009, inchiostri su legno
JR (FR) 2009, inchiostri su legno

108 (IT) - Porno, 2014, spray e acrilici su tela
108 (IT) – Porno, 2014, spray e acrilici su tela
Eron (IT) - Senza Titolo, 2011
Eron (IT) – Senza Titolo, 2011
Gaia (USA), Aerospace with Augustus, 2015
Gaia (USA), Aerospace with Augustus, 2015
Codici Sorgenti – Visioni urbane contemporanee

– via: 999contemporary.com

– photo via: repubblica.it


– Exhibition info: Codici Sorgenti – Visioni urbane contemporanee. Organizzata da 999contemporary, promossa da Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, in collaborazione con l’Associazione Emergence.

When: 17 Dicembre 2015 – 18 Gennaio 2016.
Where: Palazzo Platamone, Via Vittorio Emanuele II, 95131 Catania.


Submit a Comment