Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | September 23, 2020

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Art Safiental 2020 - Land Art tra Analogico e Digitale

Art Safiental 2020 – Land Art tra Analogico e Digitale

| On 17, Ago 2020

Cantone dei Grigioni (Svizzera): la complessa interazione tra la bellezza naturalistica del paesaggio montano e le nuove frontiere dell’arte digitale.

di Redazione Art Vibes


Picture: Manuel Rossner: Floating Backwards (2020, Virtual Reality Experience) – Art Safiental 2020.


Dal 18 luglio al 1 novembre si svolge la terza edizione della Biennale Internazionale d’Arte Safiental 2020, rassegna di arte contemporanea che affronta il tema ‘Analogico-Digitale‘. Una grande mostra di land art che si estende lungo tutto il comune di Safiental, all’interno del Parco Naturale del Beverin, dalla gola del Reno al Turrahus e oltre.

Un’incredibile occasione per i visitatori quella di sperimentare la complessa interazione tra la bellezza naturalistica del paesaggio montano e le nuove frontiere dell’arte digitale.

Art Safiental è organizzata dal Parco Naturale Beverin, insieme all’Istituto per l’Arte del Territorio e dell’Ambiente (ILEA), fondato nel 2019. Il direttore artistico Johannes M. Hedinger, fondatore della Biennale e dell’Accademia dal 2016, si è assicurato il contributo di oltre 17 artisti nazionali e internazionali, chiamati a rispondere sul tema “Analogico-Digitale” attraverso avvincenti dialoghi tra natura e creatività artistica. Dunque un un’entusiasmante opportunità per sperimentare nuovi media e tecnologie più spesso associati all’ambiente urbano nel contesto delle valli montane dei Grigioni.

La gamma di media in gioco include app VR (Virtual Reality), AR (Augmented Reality), cultura del gioco, social media e film (con e senza droni), nonché una passeggiata audio, performance e installazioni fisiche, scultura, fotografia e pittura.

Il curatore di Art Safiental Johannes M. Hedinger ha affermato: “L’edizione 2020 sarà diversa dalle due precedenti. Oltre alle opere familiari site specific e funzionali, ci saranno nuovi formati e tecnologie digitali e immersive che attireranno i sensi in modi nuovi e comunicheranno in modo diverso. Tuttavia, il pieno impatto di questa mostra di Land Art può ancora essere sperimentato solo in loco. Oggi, mentre la distanza fisica determina le nostre vite, è ancora fondamentale che ci impegniamo fisicamente con gli oggetti e gli ambienti che sono per noi importanti. Art Safiental mette in scena un incontro tra natura e arte. Gli spazi che crea combinano il quotidiano e lo straordinario ed evocano percezioni vivaci, riflessioni e coinvolgimento “.

 

Manuel Rossner: Floating Backwards (2020, Virtual Reality Experience) - Art Safiental 2020
Manuel Rossner: Floating Backwards (2020, Virtual Reality Experience) – Art Safiental 2020

 

La valle di montagna come fonte di ispirazione e studio

Alcuni degli artisti ricercano e sviluppano il proprio lavoro da oltre un anno. Ad esempio, la scorsa estate l’artista francese Melodie Mousset ha sfruttato i lavori di manutenzione presso le centrali di Zervreila per percorrere oltre 7 km attraverso la galleria d’acqua vuota sotto la montagna tra Safien Platz e Thalkirch. Ciò ha portato alla realizzazione di un film e di opere fotografiche che vengono ora presentate al di fuori del condotto solitamente nascosto a Thalkirch.

Patrick Rohner, di Glarona, ha scansionato il delta della Rabiusa con un drone all’ingresso della gola del Reno. Il suo lavoro in più parti intitolato ‘La natura non conosce catastrofi‘ affronta il tema del cambiamento climatico a Safiental e lo collega a una situazione simile a Bregaglia, dove Rohner presenta la seconda parte del lavoro alla Biennale Bregaglia 2020, che si svolge contemporaneamente, collegando così le due biennali.

 

Patrick Rohner: Die Natur kennt keine Katastrophen (Felswand, Foto: Jürg Zürcher) - Art Safiental 2020
Patrick Rohner: Die Natur kennt keine Katastrophen (Felswand, Foto: Jürg Zürcher) – Art Safiental 2020

La fotografa Ester Vonplon esporrà le sue foto in natura e poi elaborerà alcune di esse digitalmente. L’artista basilese Denis Handschin ha trascorso una seconda estate nelle Alpi Safien. Ha completato un apprendistato come pastore, compreso uno stage con Simon Buchli a Zalön. Trascorrerà la stagione alpina di quest’anno con un gregge di pecore nella Safiental e riferirà le sue “notizie quotidiane sulle pecore” sugli animali a lui affidati sia su un cartellone situato in Safien Platz che digitalmente tramite blog e Instagram.

Due artisti posizionano il loro lavoro nella realtà virtuale (VR), offrendo rappresentazione e percezione di una realtà generata dal computer in tempo reale e, nel caso di Art Safiental, in modo interattivo (utilizzando occhiali video). L’artista tedesco Manuel Rossner ha collocato il suo computer ad alte prestazioni in una stalla Safier.

I visitatori possono così immergersi in un modello 3D della valle di Safien e fare un’escursione virtuale tra le sculture digitali create dall’artista. Al contrario, l’installazione VR del collettivo di artisti di tre persone Fragmentin di Losanna è piuttosto fisica: dopo la salita di circa due ore da Tenna allo Schlüechtli, alto 2283 m, i visitatori incontreranno una stazione meteorologica a energia solare sotto forma di un punto di triangolazione. Con un visore VR, il visitatore sperimenterà il paesaggio reale in forma digitale aumentata da rappresentazioni visive di dati meteorologici tra cui vento, temperatura e onde elettromagnetiche.

 

Fragmentin: N1-Observatory, installing, experience, detail, VR 1 - Art Safiental 2020
Fragmentin: N1-Observatory, installing, experience, detail, VR 1 – Art Safiental 2020

Tre lavori invece si basano sulla Realtà Aumentata (AR): la realtà viene espansa attraverso la sovrapposizione di informazioni generate dal computer. Nel suo lavoro l’artista americana Nancy Baker Cahill utilizza la sua app sviluppata in proprio, ”Fourth Wall“, con la quale i visitatori possono sperimentare le opere 3D dell’artista nel paesaggio naturale. Verrà creata una nuova opera esclusivamente per Art Safiental, che potrà essere vista e vissuta solo presso determinate coordinate della valle.

L’artista grigionese Curdin Tones e l’artista olandese Jan Robert Leegte collaborano con l’app “Fatschadas”, sviluppata per l’iniziativa culturale engadinese SOMALGORS74. Hanno creato nuovi decori digitali e iscrizioni per due facciate di case a Valendas e Camanaboda, che puoi sperimentare sul posto con il tuo smartphone o tablet.

La giovane artista zurighese Sara Rutz sarà la prima artista residente presso l’istituto ILEA del Berghotel Alpenblick a Tenna durante la Biennale. Ha in programma di sviluppare un gioco non lineare durante il suo soggiorno. Per fare ciò ha scansinato il paesaggio di Safiental con uno scanner di modelli 3D e lo userà per costruire una caccia al tesoro digitale interattiva.

L’installazione “ctrl + s (precarious places)” del duo di artisti frölicher / bietenhader, che ha recentemente vinto il Grisons Art Prize, riconduce all’analogico. Ricordando un’immagine corrotta digitalmente ma creata intenzionalmente, un glitch avvolge la vecchia stalla Walser situata sopra Bäch.

 

frölicher I bietenhader: ctrl + s (prekäre Stellen) - Art Safiental 2020
frölicher I bietenhader: ctrl + s (prekäre Stellen) – Art Safiental 2020

I droni sono onnipresenti oggi, sia come giocattoli per bambini che come fornitura di filmati nei notiziari quotidiani. Nonostante la loro impressionante apertura alare da 10 a 40 m, i droni militari sono visti raramente mentre volano a un’altitudine massima di 20 km. Questo è esattamente ciò che l’artista britannico James Bridle vuole rendere visibile nel tranquillo villaggio di montagna di Valendas, creando “ombre di droni” che tracciano i loro profili minacciosi sulle strade strette.
 
In tre luoghi della valle, l’artista Bruno Jakob, che dipinge spesso con acqua, luce ed energia, ha creato tele bianche vuote e coinvolgerà gli spettatori ricettivi a livello spirituale.

La passeggiata audio della performer zurighese Lucie Tuma stimola invece nuove percezioni. Invita il visitatore ad accompagnare il suo alter ego Amber Tardis a fare una passeggiata mentre racconta una storia. Il circuito di un’ora porterà alla fine della valle dietro il Turrahus, ci saranno anche ulteriori percorsi nella valle anteriore.

L’artista ginevrina Marie Velardi crea cartelli escursionistici in due punti della valle che non conducono a una destinazione convenzionale o si riferiscono ai punti cardinali della bussola. Una freccia punta verticalmente nel terreno indicando il centro della terra (circa 6.500 km) mentre una seconda freccia punta verticalmente verso l’alto e segna la fine dell’atmosfera terrestre, ad una distanza di circa 800 km. Questi semplici rapporti e riferimenti ci rendono consapevoli delle nostre dimensioni e del nostro rapporto con l’ambiente.

 

Curdin Tones: La Mort Vain Per Tuots, Augmented Reality - Art Safiental 2020
Curdin Tones: La Mort Vain Per Tuots, Augmented Reality – Art Safiental 2020

– via: Art Vibes submission – photo courtesy of: Art Safiental


– website: artsafiental.ch


Submit a Comment