Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | June 21, 2018

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Anna Capolupo - Specie di spazi

Anna Capolupo – Specie di spazi

| On 05, Giu 2018

La dimensione fisica, psichica e affettiva dello spazio nelle opere pittoriche di Anna Capolupo.

di Redazione Art Vibes


Picture: Anna Capolupo – Specie di spazi, cm 100 x 140, tecnica mista su carta, 2018.


«Vorrei che esistessero luoghi stabili, immobili, intangibili, mai toccati e quasi intoccabili, immutabili, radicati; luoghi che sarebbero punti di riferimento e di partenza, delle fonti: il mio paese natale, la culla della mia famiglia, la casa dove sarei nato, l’albero che avrei visto crescere la soffitta della mia infanzia gremita di ricordi intatti… Tali luoghi non esistono, ed è perché non esistono che lo spazio diventa problematico, cessa di essere evidenza, cessa di essere incorporato, cessa di essere appropriato. Lo spazio è un dubbio: devo continuamente individuarlo, designarlo».

Georges Perec, Specie di spazi.


A partire da giovedì 7 giugno 2018, Burning Giraffe Art Gallery ospita la mostra Specie di spazi, personale dell’artista Anna Capolupo (Lamezia Terme, 1983). La mostra rinnova il sodalizio tra l’artista e la galleria torinese, a quattro anni dalla prima esposizione, che inaugurava l’attività espositiva di quest’ultima.

La mostra prende le mosse dalla riflessione sullo spazio, inteso sia in senso fisico che psichico e affettivo, che anima l’omonimo libro del 1974 di Georges Perec, in cui l’autore francese si proponeva di dare vita a “un bestiario di spazi”, che ne avrebbe mostrato diverse specie, come si fa con le differenti specie d’animali.

La ricerca portata avanti negli ultimi anni da Anna Capolupo ha nello spazio il suo soggetto di predilezione. Dapprima inteso come spazio urbano, tracciato con perizia architettonica e un’estrema attenzione ai giochi prospettici, dando vita a imponenti cattedrali suburbane di scheletri industriali, la presenza personale dell’artista nei luoghi ritratti nei suoi dipinti ruvidi si è fatta via via più tangibile, arrivando all’attuale forma di irrealismo urbano che sconvolge gli spazi attraverso un uso sempre più importante e maturo dell’astrazione, sia gestuale che cromatica. Così come Perec, l’artista sembra accorgersi del fatto che non esistano luoghi «stabili, immobili … immutabili, radicati», mostrandone l’evanescenza nelle sue opere pittoriche, tracciando i fantasmi, quasi irriconoscibili, di ciò che resta di interni ed esterni urbani post-industriali che hanno da tempo perso la loro funzione.

 

Anna Capolupo - Specie di spazi, cm 70x80, tecnica mista su carta, 2018
Anna Capolupo – Specie di spazi, cm 70×80, tecnica mista su carta, 2018

Per la prima volta, alle opere pittoriche dell’artista viene affiancata una serie di lavori più intima, in cui lo spazio ritratto è un’eredità della memoria, dell’anima e di una gestualità osservata nell’infanzia. Si tratta della materializzazione artistica di oggetti e dettagli di spazi e luoghi, che nascono dalla riscoperta delle coperte ricamate che la bisnonna realizzava con amore per ciascuno dei membri della famiglia.

L’artista parte dallo stesso supporto che utilizza per i dipinti – la carta ruvida da incisione, che dona una matericità quasi tattile agli elementi urbani –, ricamando su di essa segmenti di cotone e lana colorati che richiamano le trame di quelle coperte antiche, andate perdute, di cui l’unica memoria conservata è quella di una fotografia sbiadita. Performando il gesto lento e ripetitivo del ricamo su fogli di carta di grandi dimensioni, ricostruisce quegli spazi famigliari riscoprendone la lentezza fatta di amorevole cura e attenzione.

Per Anna Capolupo, come per Perec, lo spazio è «ciò che arresta lo sguardo, ciò su cui inciampa la vista: l’ostacolo», e questi ostacoli danno vita a una mostra di spazi invisibili ai più, intangibili perché quasi dimenticati, inutilizzati, ma mai inutili.


– via: Art Vibes submission – images courtesy of: Burning Giraffe Art Gallery


Exhibition info: Anna Capolupo. Specie di spazi

When: 7 giugno – 21 luglio 2018. Inaugurazione: 7 giugno 2018, 18:30 – 21:30.
Where: Burning Giraffe Art Gallery, via Eusebio Bava 8A, 10124 Torino.


Submit a Comment