Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | July 29, 2017

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Ai Weiwei - Soleil Levant

Ai Weiwei – Soleil Levant

| On 06, Lug 2017

Un’installazione provocatoria nel centro di Copenaghen riflette sul delicato tema della crisi dei rifugiati.

di Redazione Art Vibes


Picture:Ai Weiwei – “Soleil Levant“, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.


Nel 2016 l’esperienza danese in galleria del noto artista dissidente cinese Ai Weiwei non si era conclusa nel migliore dei modi vista l’interruzione volontaria della sua esibizione in reazione alla legge sull’immigrazione del governo che prevedeva la confisca dei beni dei richiedenti asilo. A distanza di un anno Ai Weiwei torna protagonista a Copenaghen, e in particolare nel centro di Nyhavn, quartiere storico della città affacciato sul mare, con un’installazione che simboleggia il dramma sempre più attuale dei migranti.
3.500 giubbotti di salvataggio raccolti sull’isola di Lesbo in Grecia, campeggiano ora sulla facciata del Kunsthal Charlottenborg.

La crisi dei rifugiati, già tema della personale a Firenze presso Palazzo Strozzi, è il focus di quest’ultima provocazione. Secondo l’UNHCR, nel 2015 e 2016 sono arrivati in Europa attraverso il mediterraneo 1.377.349 persone. Nello stesso periodo, oltre 8000 persone sono morte o scomparse intraprendendo viaggi di fortuna via mare.

Il nome dell’installazione si ispira all’opera impressionista di Claude Monet, Soleil Levant del 1872, pittura che descrive il porto di Le Havre verso la fine della guerra Franco-Prussiana del 1870-71. Mentre la pittura paesaggistica di Monet cattura la realtà politica e sociale del suo tempo con gru e vaporetti, simbolo dell’industrializzazione della città, Soleil Levant di Ai Weiwei si sofferma sulla realtà politica e sociale più attuale, stipando migliaia di giubbotti di salvataggio sotto le arcate della Kunsthal Charlottenborg.

Il progetto, a cura di Luise Faurschou da ART 2030 e Michael Thouber, è stato inaugurato ufficialmente il 20 giugno in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato e resterà visibile fino al 1° ottobre 2017.

 

Ai Weiwei - Soleil Levant, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.
Ai Weiwei – “Soleil Levant”, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.

Ai Weiwei - Soleil Levant, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.
Ai Weiwei – “Soleil Levant”, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.

Ai Weiwei - Soleil Levant, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.
Ai Weiwei – “Soleil Levant”, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.

Ai Weiwei -
Ai Weiwei – “Soleil Levant”, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.

Ai Weiwei - Soleil Levant, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.
Ai Weiwei – “Soleil Levant”, 2017. Installation view, Kunsthal Charlottenborg, 2017. Life jackets in front of windows of facade. Courtesy of the artist. Photo by David Stjernholm.

– photo courtesy of: kunsthalcharlottenborg.dk – credits: ©David Stjernholm.


Exhibition info: Ai Weiwei – Soleil Levant

When: 20 giugno – 1 Ottobre 2017.
Where: Kunsthal Charlottenborg, Copenaghen.


Submit a Comment