Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes – Let's share beauty | May 30, 2024

Scroll to top

Top

Art
No Comments

"Double Take" - A plus A Gallery

“Double Take” – A plus A Gallery

| On 01, Apr 2024

Vedere oltre l’immediatezza del mero contenuto visivo: la galleria A plus A si converte in un ufficio di sorveglianza ipotetico, in cui le opere sfidano il limite di ciò che è consentito dire, muovendosi tra l’ambiguità e la doppiezza, nel tentativo di aggirare immaginari dispositivi di controllo.


di Francesco Spaghi

Picture: Barbara Prenka – Reunion with aunts and uncles (2023). Tessuto di cotone con buchi, realizzato ad ucinetto con filato sintetico, 160 x 130 cm.


In concomitanza con la preview della 60. Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, A plus A Gallery ha il piacere di annunciare l’apertura della mostra “Double Take” a cura degli studenti di School for Curatorial Studies Venice, che nel 2024 festeggia i vent’anni di attività.

Nello slang inglese, con il termine “Double Take” ci si riferisce all’azione di guardare una seconda volta ciò che a un primo sguardo era sfuggito, così da poter notare qualcosa di insolito, che altrimenti sarebbe passato inosservato.

Double Take” è un invito a riguardare, a prestare maggiore attenzione ai contenuti che si celano dietro alle opere, a coglierne i significati più impliciti. È un’indicazione a vedere oltre l’immediatezza del mero contenuto visivo, ad assumere una postura critica, a muoversi lungo i confini di una realtà sempre più iperconnessa e dematerializzata.

La soglia di attenzione media si è abbassata. Deep-scrolling, bombing pubblicitario e propaganda subliminale online stanno progressivamente modificando tempi e modalità di consumo dei contenuti, che vengono ingeriti senza assimilazione. Nella cosiddetta epoca dell’iper-informazione, la sovraesposizione informativa sta generando un fenomeno di distrazione di massa.

È ciò che Shoshana Zuboff definisce come ‘capitalismo della sorveglianza’, riferendosi alla matrice di controllo della diffusione incontrollata di informazioni, nuova forma di capitale sfruttabile.

Nel panottico digitale del nuovo millennio, fondato non tanto su limitazioni esplicite quanto sull’automonitoraggio dell’individuo in rete, si va intessendo una rete di controllo sempre più fitta, di cui anche l’arte subisce le ripercussioni: assoggettata all’imperativo del ‘politically correct’, la produzione artistica subisce una perdita di contenuti. Gli artisti si autocensurano o cercano nuove modalità e forme di espressione artistica.

A partire da queste riflessioni, la galleria si converte in un ufficio di sorveglianza ipotetico, in cui le opere sfidano il limite di ciò che è consentito dire, muovendosi tra l’ambiguità e la doppiezza, nel tentativo di aggirare immaginari dispositivi di controllo.

In mostra, opere che tramite codici e rimandi visivi riflettono sull’impossibilità di una comunicazione esplicita e rendono necessario un secondo sguardo per essere comprese, ossia richiamano a un double take.

Tramite un’operazione di contravvenzione immaginata, si intende così rivendicare l’indipendenza del linguaggio visivo e indicare nell’arte una possibile forma di resistenza, una postura contraria al conformismo odierno.

Artisti: Paolo Cirio, Jesse Darling, Simon Denny, Kasia Fudakowski, Enej Gala, Monilola Olayemi Ilupeju, Eva & Franco Mattes, Ahmet Öğüt, Barbara Prenka.

 

Paolo Cirio, Persecuting US 2012. Mixed media and audio installation, 2000 hours long track. Courtesy: the artist
Paolo Cirio, Persecuting US 2012. Mixed media and audio installation, 2000 hours long track. Courtesy: the artist

2023, Engraved brass plaques, 2 brass plaques, each 25 x 21 x 0.4 cm, Courtesy of The Artist and ChertLüdde, Berlin. Photo by Ma
2023, Engraved brass plaques, 2 brass plaques, each 25 x 21 x 0.4 cm, Courtesy of The Artist and ChertLüdde, Berlin. Photo by Ma

Eva & Franco Mattes, The Bots 2020, Customized OKA desk, 55” monitor, video, headphones, various cables, 200 x 100 x h100 cm each approx. Photo by Melania Dalle Grave for DSL Studio
Eva & Franco Mattes, The Bots 2020, Customized OKA desk, 55” monitor, video, headphones, various cables, 200 x 100 x h100 cm each approx. Photo by Melania Dalle Grave for DSL Studio

Exhibition info: Double Take, a cura di School for Curatorial Studies Venice.

When: 15 aprile – 15 luglio 2024.
Where: A plus A Gallery, San Marco 3073 Venezia 30124.


Submit a Comment