Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | October 22, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

SOLE - Installation by Quiet Ensemble

SOLE – Installation by Quiet Ensemble

| On 16, Ott 2020

Un videomapping immersivo che delinea un luogo senza tempo, dove alba e tramonto si incontrano, dove i soli sono molteplici e il crepuscolo affoga in un alba stroboscopica.

di Redazione Art Vibes


Picture: SOLE – Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste.


Nella cornice del Salone degli Incanti di Trieste il duo artistico Quiet Ensemble (Fabio Di Salvo e Bernardo Vercelli) ha realizzato un videomapping a 360° che grazie all’utilizzo di 50 videoproiettori simula il movimento del sole intorno e all’interno dell’edificio. Il progetto, a cura di Vincenzo Napolano, riflette sulla profonda trasformazione che la tecnologia ha operato sulle nostre esperienze di vita, divenute sempre più virtuali, mediate da un’intelligenza artificiale invisibile.

Come afferma il curatore: “L’installazione si muove sull’effimero confine tra naturale e artificiale, tra reale e virtuale nel mondo contemporaneo, ed evoca la possibilità di una tecnologia delicata e invisibile, in grado di arricchire e valorizzare la nostra esperienza senza cancellarne la naturalezza.

 

SOLE – Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste. video courtesy of: Quiet Ensemble

Uno scenario artificiale di luci e ombre, che ridisegna tutte le superfici della straordinaria cornice architettonica del Salone degli Incanti. Il pubblico attraversa un contesto irreale, un luogo senza tempo, dove alba e tramonto si incontrano, dove i soli sono molteplici e il crepuscolo affoga in un alba stroboscopica. Si crea così un tempo e uno spazio indefinito: ore, giorni o anni luce lontani dal nostro qui e ora.

I movimenti di luce sono dinamicamente accompagnati dal reale suono del sole, le sonorità solari e i riflessi artificiali avvolgono gli spettatori in un ambiente immersivo spiazzante e surreale.

L’architettura interna dello spazio e’ “video-mappata” a 360 gradi.  Un sistema di elaborazione video 3D ricrea artificialmente l’illuminazione del sole che, attraversando illusoriamente le finestre disegna sulle pareti, il pavimento e parte del soffitto del salone ricreando così un sole artificiale

 

SOLE - Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste
SOLE – Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste

 

Il suono del sole

Per oltre vent’anni la ESA (European Space Agency) ed il Solar and Heliospheric Observatory della NASA (SOHO) hanno raccolto dati relativi al movimento dinamico dell’atmosfera solare, che traslati all’interno di un range di frequenze percepibili all’orecchio umano (mHz —> kHz) dal Laboratorio di fisica sperimentale di Stanford (HEPL) rendono le sonorità solari finalmente udibili.

Il sole produce una pulsazione molto lenta, come un battito cardiaco, poterlo ascoltare per gli scienziati equivale ad effettuare uno zoom al suo interno, analizzando ancor più a fondo una serie di moti complessi, dai brillamenti solari alle espulsioni coronali di massa. 

La NASA e lo Stanford Experimental Physics Lab hanno reso disponibili le tracce audio del sole realizzate da Alexander G. Kosovichev e utilizzate come materiale audio di partenza per la composizione elettroacustica multicanale che accompagna l’installazione SOLE.

 

SOLE - Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste
SOLE – Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste

SOLE - Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste
SOLE – Installation by Quiet Ensemble, Salone degli Incanti, Trieste

 

CREDITS

Sound design and tech: Vincenzo Pedata
Graphic design: Nadya Aksënova 
Videomapping consultancy and setup: Daniele Spanò
3D and modeling: Francesco Bruno

Video setup, mapping assistant and drone: Natan Andrea Ruzza 
Video editing: Marcello Rotondella 
Curator: Vincenzo Napolano

– via: Art Vibes submission – photo courtesy of: Quiet Ensemble


– website: quietensemble.com


Submit a Comment