Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | December 11, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

L'abbraccio di OZMO per Certosa - On The Wall Project

L’abbraccio di OZMO per Certosa – On The Wall Project

| On 16, Ago 2019

Il carattere dialogico dell’opera d’arte. Un murale che si pone in connessione con lo stato emotivo della comunità di Genova Certosa, il quartiere colpito dal crollo del ponte Morandi.

di Redazione Art Vibes


Picture: OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana.


A poche decine di metri dalla zona rossa evacuata dopo il crollo del Ponte Morandi, a un anno dalla tragedia, OZMO, pioniere della street art in Italia e artista italiano tra i più apprezzati a livello internazionale, ha realizzato un’opera site specific dedicata alle vittime, al quartiere e alla città.

Il punto di partenza di ogni intervento artistico di OZMO è l’ispirazione che gli arriva dal contesto che lo accoglierà. Invitato a realizzare un murale nell’ambito del progetto On the Wall, su una parete dalla quale si possono ancora vedere le macerie che chiudono via Fillak (la strada principale che collegava il quartiere Certosa, oggi ancora quasi isolato con Genova), dopo un’accurata ricerca, sceglie di progettare un’opera capace non solo di relazionarsi al luogo, ma anche di connettersi allo stato emotivo della comunità e delle persone, di essere consolatoria senza lasciarsi però sorprendere da sentimentalismi e retorica.

Appropriandosi e reinterpretando uno dei capolavori del Canova, l ‘Amore e Psiche’, crea e dipinge un’immagine potente e serena che evoca un moto ascendente e salvifico in grado di contrapporsi a quello discendente del crollo e della separazione. Il gruppo scultoreo è raffigurato così come appare dall’angolazione che ne mette in risalto il punto focale: l’atto che sancisce contemporaneamente il soccorso, il conforto reciproco, il risveglio, la ritrovata unione, quell’abbraccio che le due figure si scambiano e idealmente si estende alle vittime e all’intero quartiere.

A completare la composizione è la scritta ‘THIS IS SITE SPECIFIC’ che l’artista pone con un gesto Dada sopra i visi delle due divinità. Perché apporre questa scritta che sottolinea il suo modus operandi e quello di molti urban artists? Perché proprio sui volti?
Come ogni lavoro di OZMO, il murale realizzato nel e per il quartiere Certosa oltre ad essere omaggio al contesto e a svilupparsi in dialogo con lo spirito del luogo, è uno specchio che invita alla riflessione, un’opera aperta che ci interroga e che non manca neppure di porre domande sulla e alla pratica dell’arte urbana stessa.

L’intervento artistico, inserito nell’ambito di On The Wall, il progetto del Comune di Genova realizzato in collaborazione con l’Associazione Linkinart che punta a cambiare radicalmente il volto di un luogo, il quartiere Certosa, coinvolto nella disordinata urbanizzazione del periodo industriale genovese e colpito dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi, è stata realizzato con il contributo di Fiumara.

 

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

OZMO, murale a Genova Certosa - On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana
OZMO, murale a Genova Certosa – On The Wall Project. photo credit: Matteo Fontana

– via: Art Vibes submission – photo credits: ©Matteo Fontana, courtesy of: ozmo.it


– Facebook: facebook.com/walktheline


Submit a Comment