Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | October 19, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Milu Correch - Tributo a Ecate, Draw the Line 2018

Milu Correch – Tributo a Ecate, Draw the Line 2018

| On 05, Ott 2018

Campobasso, Draw the Line 2018: l’intervento murale dell’artista argentina nel Quartiere San Giovanni.

di Redazione Art Vibes


Picture: Milu Correch – Tributo a Ecate, Draw the Line, 2018. Location: via Marche, Quartiere San Giovanni, Campobasso.


Più passano gli anni e più Campobasso assume i connotati di una galleria d’arte a cielo aperto. Il merito di questa trasformazione è del festival “Draw the Line”, rassegna di arte urbana a cura della locale associazione Malatesta, capace negli anni di chiamare a raccolta grandi nomi della street art con l’obiettivo di riqualificare ed impreziosire il territorio attraverso processi di rigenerazione urbana.

Di qui nel tempo sono passati importanti nomi della street art internazionale (Blu, Made514, Vesod, Macs, solo per citarne alcuni), ognuno con il proprio stile ha lasciato una traccia indelebile del proprio passaggio.

Quest’anno assoluta protagonista è stata l’argentina Milu Correch chiamata ad intervenire sulla facciata esterna di un palazzo sito in via Marche nel Quartiere San Giovanni.

Una donna completamente nuda con tre teste, un essere inquietante e al tempo stesso affascinante. Il suo lavoro vuole essere un omaggio alla dea Ecate (in greco antico: Ἑκάτη, Hekátē) o Hekate o Hekat (in latino: Hecata o Hecate), dea greca che regnava sui demoni malvagi , sulla notte, la luna, i fantasmi, i morti. Una divinità misteriosa, capace di passare dal regno dei vivi a quello dei defunti, una celebrazione del mistero e dell’imprevedibilità della vita.

 

Milu Correch - Tributo a Ecate, Draw the Line, 2018. Location: via Marche, Quartiere San Giovanni, Campobasso
Milu Correch – Tributo a Ecate, Draw the Line, 2018. Location: via Marche, Quartiere San Giovanni, Campobasso.

– via: facebook.com/drawthelinefestival – images courtesy of: ©Milu Correch


– website: milucorrech.com


Submit a Comment