Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | July 29, 2017

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Mario Schifano - Arte e Vita

Mario Schifano – Arte e Vita

| On 07, Lug 2017

I variegati e creativi percorsi artistici di Mario Schifano in mostra a Mantova.

di Redazione Art Vibes


Picture: Mario Schifano, Futurismo rivisitato, 1966.


Fino al 15 luglio è possibile visitare a Mantova negli Appartamenti della Rustica di Palazzo Ducale un’ampia mostra dedicata a Mario Schifano. La rassegna, curata da Peter Assmann e Sergio Pajola, ha lo scopo di consentire la più ampia conoscenza possibile del significato del lavoro di un grande artista attraverso opere provenienti da collezioni private mantovane e non solo. Va in scena dunque una profonda riflessione sul significato della relazione dell’artista con i differenti materiali “della pittura”, dalla carta intelata, al perspex, dagli smalti, ai collage, dalle foto, alle tele emulsionate.

Schifano è stato un performer di altri tempi, regista, compositore, pittore e artista nel tempo in cui viveva e lavorava, “una creatura che viveva nelle sue opere”. Così come Warhol anch’egli optò per l’unione indissolubile tra arte e vita costruendosi un personaggio a metà strada tra la mondanità più chic e l’anarchia più rivoluzionaria.

Nato il 20 settembre 1934 nella Libia italiana, Mario Schifano tornò a Roma dopo la guerra dove seguì le orme del padre che lavorava al museo etrusco di Villa Giulia come archeologo e restauratore. Fu proprio grazie a questa esperienza che il giovane Schifano si avvicinò all’arte eseguendo, in un primo periodo, opere che risentivano dell’influenza dell’Arte Informale. Sul finire degli anni cinquanta, partecipò al movimento artistico Scuola di Piazza del Popolo con Francesco Lo Savio, Mimmo Rotella, Giuseppe Uncini, Giosetta Fioroni, Tano Festa e Franco Angeli.
Produsse poi i primi cortometraggi in bianco e nero senza sonoro e nei primi anni sessanta compì il primo viaggio negli Stati Uniti entrando in contatto con grandi big della pittura come Jasper Johns, Mark Rothko, Andy Warhol, incontri che influenzarono non poco la sua vena creativa pop, sublimata poi con le celeberrime opere della serie “Propaganda”, riferimento chiaro ai marchi pubblicitari della Coca Cola, Esso, numeri, lettere e segnali stradali.

 

Mario Schifano - Paesaggio anemico, 1972
Mario Schifano – Paesaggio anemico, 1972

Gli anni sessanta furono il periodo più intenso della sua attività artistica, vinse il Premio Lissone già nel 1961 e con la prima partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1964 presentò i suoi Paesaggi Anemici, a cui seguiranno i personaggi del Futurismo. Prese il via nel 1964 l’importante sodalizio con Giorgio Marconi suo mentore e promoter attraverso la partecipazione a personali e collettive internazionali.
Da qui in poi un’escalation di successi: dalle molteplici collaborazioni con l’amico Achille Bonito Oliva, tra cui l’allestimento nel 1993 di una mostra personale alla Biennale di Venezia, alle numerose mostre in giro per il mondo, tra cui la celebre The Italian Metamorphosis al R. Guggenheim Museum di New York nel 1996.

Diceva di lui Furio Colombo, amico e grande suo collezionista, che Mario lasciava sul suo percorso di lavoro – «tracce di un’’impetuosa storia d’’amore».

In mostra è dunque possibile ammirare le tappe del suo stravagante e variegato percorso artistico: dai Monocromi (incrocio tra pop e minimale) ai Paesaggi Anemici, (sintesi di natura e artificio); dal ciclo del Futurismo rivisitato al ciclo dei Paesaggi Tv (fotografie scattate allo schermo televisivo alterate con la pittura); dai cicli più sperimentali a livello estetico come Tuttestelle alle ultime produzioni degli anni Ottanta-Novanta simbolo di un’espressività ormai matura, celebrata attraverso un violento uso di colori accesi.

 

Mario Schifano - Per l'innamorato del cielo, 1977-78
Mario Schifano – Per l’innamorato del cielo, 1977-78

Mario Schifano - Sulla giusta soluzione delle contraddizioni in seno alla società, 1968
Mario Schifano – Sulla giusta soluzione delle contraddizioni in seno alla società, 1968

Mario Schifano - Acquatico, 1982
Mario Schifano – Acquatico, 1982

Mario Schifano - Paesaggio anemico, 1973
Mario Schifano – Paesaggio anemico, 1973

– photo credits: © Art Vibes


Exhibition info: Mario Schifano nelle collezioni private e non solo

When: 12 maggio – 15 luglio 2017.
Where: Appartamenti della Rustica (Palazzo Ducale) con accesso dal giardino dei Semplici, Mantova.


Submit a Comment