Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | January 16, 2021

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Juliana Notari - Diva

Juliana Notari – Diva

| On 09, Gen 2021

Un’enorme vagina divide il Brasile. Un’installazione di arte contemporanea per “mettere in dubbio il rapporto tra natura e cultura nella nostra società fallocentrica occidentale e antropocentrica”.

di Redazione Art Vibes


Picture: Juliana Notari – “Diva“, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil.


Si intitola Diva la scultura a forma di vagina dell’artista Juliana Notari, un’opera che continua a far discutere dopo diversi giorni dalla sua rivelazione. Realizzata interamente a mano sul terreno di un ex zuccherificio a Pernambuco (Stato a nord est del Brasile) ha richiesto ben 11 mesi di manodopera costante e l’impiego di 20 uomini.

Alta 33 metri, profonda 6, colorata di un rosso cangiante, Diva è composta da cemento armato e resina, un mix materico incastonato in un’ampia fenditura sulla collina.

Mettere in dubbio il rapporto tra natura e cultura nella nostra società fallocentrica occidentale e antropocentrica”, questo l’obiettivo dell’installazione, secondo quanto dichiarato dalla sua autrice. Solo “attraverso il cambiamento di prospettiva del nostro rapporto tra umani e tra umani e non umani”, ha aggiunto Notari, potremo vivere “più a lungo su questo pianeta e in una società meno disuguale e catastrofica”.

L’opera una volta ultimata è stata presentata via social scatenando un putiferio mediatico culminato in frasi sessiste e volgari rivolte all’artista, espresse perlopiù da gruppi che appoggiano l’attuale presidente Jair Bolsonaro.

 

Juliana Notari - Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil
Juliana Notari – Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil

Juliana Notari - Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil
Juliana Notari – Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil

Juliana Notari - Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil
Juliana Notari – Diva, Vagina Land Art, Pernambuco, Brazil

– via: g1.globo.com – photo credits & courtesy of: Juliana Notari – via: facebook.com/juliana.notari


Submit a Comment