Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | July 19, 2019

Scroll to top

Top

Art
No Comments

JonOne - Predictably irrational

JonOne – Predictably irrational

| On 04, Mar 2016

L’opposizione tra caos e controllo, tra ciò che prevediamo e l’inaspettato, tra pianificazione e improvvisazione.

di Redazione Art Vibes


Picture: JonOne – portraits, 2015. Photo credit: Gwen Le Bras


La nuova sede milanese di Wunderkammern è lieta di annunciare la seconda mostra personale della stagione: Predictably irrational dell’artista JonOne.

John Andrew Perello, 1963, New York, USA è uno degli artisti di arte contemporanea più riconosciuti in Francia e una figura chiave nel mondo dei graffiti. Ha esposto in importanti gallerie d’arte e in prestigiose istituzioni, come nel caso delle mostre collettive Born in The Street alla Fondation Cartier e Le Tag Collection Gallizia al Grand Palais (entrambe a Parigi nel 2009). L’artista vanta inoltre collaborazioni ad alto contenuto artistico e creativo con aziende del calibro di Guerlain, Air France, Lacoste e Perrier.

Di origini domenicane e cresciuto ad Harlem, inizia a fare graffiti sui muri del suo quartiere all’età di 17 anni con il nome di Jon156 fondando poi nell’84 il gruppo 156 All Starz, una crew storica di New York. Qualche anno dopo si sposta a Parigi, città in cui vive e lavora attualmente, riscuotendo un grande successo internazionale con le opere di fine art. Il 1º gennaio 2015 riceve la Legion d’onore dalla Repubblica francese, e la sua opera Liberté, Égalité, Fraternitéviene inaugurata a Palazzo Borbone, sede dell’Assemblea nazionale.

Lo stile unico che caratterizza la sua opera, a metà tra i graffiti e l’Espressionismo astratto, scaturisce dalla combinazione di tre principali elementi: la calligrafia, il colore e la materia pittorica, che insieme invadono l’intera superficie dell’opera. Ispirate dal dinamismo e dalla vitalità della città, le opere dell’artista emanano una straordinaria energia proprio grazie all’intersecazione continua delle linee e all’estrema brillantezza dei colori impiegati.
 

JonOne - Detail of Burn Slow

JonOne – Detail of Burn Slow, Acrylic and ink on canvas, 2016

Il concetto alla base della mostra Predictably irrational parte dalla riflessione sull’opposizione tra caos e controllo, tra ciò che prevediamo e l’inaspettato, tra pianificazione e improvvisazione. La dinamica che sottende queste situazioni fa parte della vita di tutti i giorni: cerchiamo di controllare e prevedere gli avvenimenti, ma molto spesso questi sfuggono al nostro controllo, e viceversa in ciò che è imprevedibile possiamo talvolta poi trovare un perché, un senso o un ordine.

Da una parte, le sue opere sembrano emergere da un gesto spontaneo, istintivo e libero da ogni restrizione, eppure la composizione estetica risulta al contempo attentamente studiata, con ogni intervento scaturito da una precisa intenzione. Dall’altra parte, la simmetria originata dalla ripetizione calligrafica viene costantemente scossa dalle potenti sovrapposizioni di colori. Trasferisce metaforicamente la vita stessa nella sua opera, leggibile come il risultato del sottile equilibrio creato dall’opposizione tra caos e controllo.

In mostra saranno presentate nuove opere di diversi formati realizzate su tela con acrilico, olio e inchiostro. L’artista creerà le opere appositamente per la mostra a Wunderkammern.

 

JonOne - ambiances

JonOne – ambiances, 2015. Photo credit: Gwen Le Bras

JonOne - Assemble nationale Liberté, Égalité

JonOne – Assemble nationale Liberté, Égalité, Fraternité – Acrylic on canvas, 2015, 300-x-220cm. Photo credit: Bruno Brounch

JonOne - atelier, 2015

JonOne – atelier, 2015. Photo credit: Gwen Le Bras.

JonOne - Dirty Games, 2016

JonOne – Dirty Games, Acrylic and ink on canvas, 2016, 96 -x-110-cm

 

Exhibition info: JonOne – Predictably irrational

When: 16 marzo – 21 maggio 2016. Orari: dal martedì al sabato dalle 11 alle 19.
Where: Wunderkammern , via Ausonio 1A, Milano. (M2 e Autobus 94 fermata Sant’Ambrogio).


– via: Art Vibes submission – photo courtesy of: Wunderkammern – Photo credit: Gwen Le BrasBruno Brounch


Further reading:

– Artist website: jonone.com


Submit a Comment