Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | November 14, 2018

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Hans Bellmer, Lello Torchia - Anatomies

Hans Bellmer, Lello Torchia – Anatomies

| On 28, Nov 2016

Tra passato e presente, un’indagine artistica sul tema del “corpo“.

di Redazione Art Vibes


Il prossimo 29 novembre si inaugura “Anatomies”, la mostra che combina le opere di Hans Bellmer e di Lello Torchia. Il grande, controverso maestro di Katowice morto nel 1975 e il giovane scultore napoletano sono rappresentati, in un suggestivo allestimento, da otto lavori che abbracciano un arco temporale di cinquant’anni.

Tra “Portrait d’Unica avec l’oeil-sexe” (acquaforte del 1964 di Bellmer) e “Senza titolo” (scultura in bronzo del 2014 di Torchia) fluiscono varie stagioni dell’arte contemporanea, ma c’è un comune denominatore che le unisce: l’attrazione per l’anatomia umana. Il corpo raccontato da Bellmer è quasi esclusivamente femminile: una visione allucinatoria, eversiva, demoniaca e apocalittica.
Le sue “Dolls” disarticolate e misteriose, nonché vulnerabili e oscene, si spingono ben oltre i confini tracciati dalle ossessioni di Bosch e Arcimboldo tanto da rimanere, ancora oggi, un unicum nel panorama dell’arte. La statuaria classica, giunta fino a noi rimodellata dal tempo e in molti casi mutilata, è invece all’origine del corpo descritto da Torchia.

Nei disegni e nelle sculture le membra sono sfigurate, bucate e graffiate; le cancellature e le lacerazioni conferiscono ai lavori carattere di ricordo: essi oscillano tra la presenza e l’assenza, la vita e la morte.
La mostra, che non pretende certamente di essere esaustiva (soprattutto rispetto alla sterminata vastità dell’opera di Bellmer), offre alcuni importanti spunti di riflessione sull’interesse dei due artisti, che non si sono mai incontrati per palesi motivi anagrafici, nei confronti del corpo: un tema ancora attuale, come nei primi decenni del ‘900.

 

Hans Bellmer - Cephalopode double, 1965, etching edition of 100
Hans Bellmer – Cephalopode double, 1965, etching edition of 100

Hans Bellmer - L'oeuf, 1970, etching edition of 100
Hans Bellmer – L’oeuf, 1970, etching edition of 100

Lello Torchia - Senza titolo, 2014, lost wax bronze casting life-size
Lello Torchia – Senza titolo, 2014, lost wax bronze casting life-size

Lello Torchia - Senza titolo, 2010, graphite on paper, 29x21cm
Lello Torchia – Senza titolo, 2010, graphite on paper, 29x21cm

Hans Bellmer(Katowice 1902 – Parigi 1975) nel 1936 si stabilisce a Parigi per sfuggire alla dittatura nazista e nel 1937 espone le sue opere alla “Mostra Internazionale Surrealista” di New York. Nel 1966 il Museo di Ulm gli dedica un’ampia mostra retrospettiva, a cui seguono quelle dello Stedelijk Museum di Amsterdam, nel 1970 e del MOCA di Chicago, nel 1975. Nel 1983 (“Photographe”) e nel 2006 (Hans Bellmer: Anatomie du Désir ) è il Centre Pompidou di Parigi a celebrare il suo “genio scandaloso”.

Lello Torchia (Napoli, 1971) esordisce nel 1999 con la mostra “Il bosco sacro dell’arte” presso il Parco del Museo di Capodimonte, a Napoli. Negli anni ha tenuto svariate mostre personali e collettive: Galleria Scala Arte, Verona; Galleria Studio 34, Salerno; Franco Riccardo Artivisive, Napoli; The White Gallery, Milano; Museo Archeologico di Calatia, Maddaloni; Biblioteca civica, Brescia; Palàcio Foz, Lisbona; Karazin Kharkiv National University, Kharkiv; Tempio di Mithra, Humshaugh.


– via: Art Vibes submission


Exhibition info: Hans Bellmer, Lello Torchia – Anatomies.

When: 30 novembre – 22 dicembre 2016.Opening: martedì 29 novembre 2016, ore 11:00.
Where: Front Space, La Fuerza Plaza, 2241 Chino Roces Avenue, Makati City, Philippines.


Submit a Comment