Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | November 13, 2019

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Francesca Di Bonito - Migrations

Francesca Di Bonito – Migrations

| On 26, Ago 2019

Le migrazioni intese come condizione evolutiva necessaria all’adeguamento umano in un mondo in continuo divenire. Al PAN di Napoli il progetto multimediale di Francesca Di Bonito.

di Redazione Art Vibes


Picture: ©Francesca Di Bonito – Migrations.


Migrations è un’esperienza artistica che analizza i fenomeni di spostamento e trasformazione degli esseri viventi, un progetto multimediale, visivo e plastico sui flussi ciclici a cui sono sottomessi i corpi biologici e sociali.

Il tema delle migrazioni, al centro del progetto di Francesca Di Bonito, è osservato da un punto di vista antropologico, come condizione evolutiva necessaria all’adeguamento umano in un mondo in continuo divenire, composto dagli inesorabili cicli naturali della vita ma anche dai costanti e mutevoli flussi geo-politici dettati dalle condizioni socio-economiche mondiali. I cicli biologici (corpi viventi) e gli spostamenti delle popolazioni (corpi sociali) si ritrovano in uno stesso movimento, mossi da pulsioni naturali e imperative che si interpenetrano.

La ricerca artistica espressa attraverso il progetto è quindi finalizzata a una riforma dei modelli di pensiero rispetto alla tematica dell’immigrazione che viene osservata come espressione temporale di una contingenza.

 

Lampedusa, ma(d)re mia. video courtesy of: Francesca Di Bonito

Al fine di trascrivere la nozione stessa di flusso e migrazione, il ritmo della narrazione scelto dall’artista, si costruisce intorno a composizioni visive in cui si alternano documenti scientifici, immagini documentarie, allegoriche, oniriche e simboliche. Allo stesso modo anche i formati scelti variano continuamente e alternano tagli monumentali a immagini molto piccole o di medio formato.

In occasione della mostra al PAN di Napoli sarà possibile consultare il libro del progetto, pubblicato a giugno 2019. Dopo la tappa napoletana il progetto sarà in mostra ad ottobre 2019 presso L’Angle Galerie di Hendaye e a novembre 2019 in occasione del FOTOFEVER al Carrousel du Louvre di Parigi.

 

Note biografiche

Francesca Di Bonito è un artista visiva nata in Italia nel 1978 e stabilitasi a Parigi nel 2004, dove attualmente vive e lavora. La sua esperienza nel fotogiornalismo unita agli studi di storia dell’arte, di fotografia e di arti plastiche, la portano ad adottare un approccio artistico che attraverso nuove forme di racconto spiega le dinamiche sociali nel contesto contemporaneo.


“Esploro gli spazi visivi partendo da soggetti e forme che rinviano lo spettatore a tematiche conosciute (le migrazioni, la condizione della donna, il rapporto alla religione…) cercando di non imporre l’univocità di un’opinione personale o di un giudizio morale, poiché la mia esperienza artistica consiste appunto in questo: portare in sé la consapevolezza della “non verità”, dell’impossibilità di annunciare un unico e solo punto di vista. Il mio lavoro non vuole offrire racconti sociali dettati da informazioni univoche. Vuole scoprire, interrogare, provocare, stimolare, esplorare i campi del possibile.”

 

“…portare in sé la consapevolezza della “non verità”, dell’impossibilità di annunciare un unico e solo punto di vista.”

Il mezzo fotografico è il materiale narrativo attorno al quale si evolvono i suoi progetti. Francesca Di Bonito prende in prestito dal reportage strumenti e tecniche dei media, unendoli all’esperienza artistica e generando in questo modo una metamorfosi dell’informazione, mediante la deviazione della documentazione visiva e la sua lettura. Attraverso la sua produzione l’artista mette in discussione le dinamiche sociali al centro dei problemi contemporanei.

 

Francesca Di Bonito - Migrations
©Francesca Di Bonito – Migrations

– via: comune.napoli.it, photo credits: Francesca Di Bonito


Exhibition info: Francesca Di Bonito – Migrations

When: 16 Agosto – 2 Settembre 2019.
Where: PAN Palazzo delle Arti di Napoli, via dei Mille 60, Napoli.


Submit a Comment