Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | May 20, 2019

Scroll to top

Top

Art
No Comments

Elisa Bertaglia - Out of the blue

Elisa Bertaglia – Out of the blue

| On 15, Dic 2016

Un immaginario onirico e fiabesco, una riflessione sul tema del doppio e della metamorfosi, alla ricerca di un’identità personale e collettiva.

di Redazione Art Vibes


Picture: Elisa Bertaglia – Out of the Blue, 2016, olio, carboncino e grafite su faesite, 122×91 cm, particolare.


Vincitrice del Premio Speciale Officine dell’Immagine ad Arteam Cup 2015, l’artista Elisa Bertaglia presenta in galleria una trentina di opere inedite, realizzate nel 2016 in America, durante la residenza d’artista promossa dalla ESKFF (Eileen S. Kaminsky Family Foundation) presso il MANA Contemporary di Jersey City.
Il titolo della mostra, “Out of the blue” – è tratto dall’omonima serie, esposta per la prima volta al pubblico. Un’espressione, parafrasabile in “Un fulmine a ciel sereno”, che Elisa Bertaglia ha rintracciato in un libro di Patricia Highsmith, letto durante il soggiorno americano. Da un lato il rimando alla letteratura, che da sempre accompagna il percorso dell’artista, dall’altro il colore blu, predominante nella sua nuova produzione.

 

Elisa Bertaglia - Out of the Blue, 2016, olio e pastelli su cartoncino, 24.7x18.2 cm
Elisa Bertaglia – Out of the Blue, 2016, olio e pastelli su cartoncino, 24.7×18.2 cm

Elisa Bertaglia - Out of the Blue, 2016, olio e pastelli su carta, 102x76 cm
Elisa Bertaglia – Out of the Blue, 2016, olio e pastelli su carta, 102×76 cm

Il progetto si articolerà in due sezioni: a piano terra, una selezione di opere pittoriche di medie e grandi dimensioni; al piano sottostante, lavori di piccolo formato progressivamente sostituiti da una pittura parietale site-specific che trasformerà il sotterraneo in un larario, luogo sacro, intimo e raccolto, dedicato alle divinità familiari. In questo contesto, saranno installate anche due opere tridimensionali, legate al vissuto dell’artista. Un linguaggio lirico, evanescente ed altamente simbolico, quello di Elisa Bertaglia, che attraverso un vocabolario mitologico maturato negli anni propone una riflessione sul tema del doppio e della metamorfosi, alla ricerca di un’identità personale e collettiva.

Protagonisti delle sue opere, tutte realizzate a tecnica mista e collage su carta, tavola e faesite, sono bambine in età preadolescenziale ed animali, immersi in un paesaggio straniante, dove le regole prospettiche e compositive lasciano campo all’immaginazione.

 

Elisa Bertaglia - Out of the Blue, 2016, olio, pastelli, carboncino e grafite su carta, 30x23 cm
Elisa Bertaglia – Out of the Blue, 2016, olio, pastelli, carboncino e grafite su carta, 30×23 cm

Elisa Bertaglia - Out of the Blue, 2016, olio, carboncino e grafite su carta, 30x23 cm
Elisa Bertaglia – Out of the Blue, 2016, olio, carboncino e grafite su carta, 30×23 cm

«I personaggi di queste narrazioni – spiega Elisa Bertaglia – stanno tra loro in relazioni atipiche, inconsuete, portatrici di molteplici valenze simboliche: piccole bimbe-tuffatrici, attorcigliate da serpi, irte su rocce o avviluppate da edere e piante carnivore, alludono al difficile passaggio dall’infanzia all’età adulta. Qui tutto è in metamorfosi; l’identità, e non solo il corpo, è in trasformazione e rinascita. Cani e lupi, corvi e aironi sono i garanti di quello stesso passaggio di crescita, protettori di un sottile squarcio di intimità».

Come sottolinea Matteo Galbiati, le opere della serie “Out of the blue” si differenziano dalla precedente produzione sia per la scelta cromatica che per l’impaginato: se i colori sono più intensi e nitidi, meno legati alla tradizione pittorica italiana, la composizione è più libera, svincolata da elementi paesaggistici, mentre il segno viene utilizzato in maniera pittorica, in dialogo con le campiture e gli inserti a collage.
Apparentemente semplice e piacevole allo sguardo, la pittura di Elisa Bertaglia nasconde significati profondi e particolari spiazzanti: elementi duri, a tratti violenti, che spingono la narrazione oltre il piano dell’immaginazione, riportandola alla società contemporanea.

La personale sarà visitabile dal 15 dicembre 2016 al 29 gennaio 2017, presso Officine dell’Immagine di Milano.

 

Elisa Bertaglia - Lares (#1), 2016, cuscino disegnato a grafite, filo spinato, dimensioni variabili, particolare
Elisa Bertaglia – Lares (#1), 2016, cuscino disegnato a grafite, filo spinato, dimensioni variabili, particolare

Elisa Bertaglia nasce a Rovigo nel 1983. Si iscrive nel 2002 all’Accademia di Belle Arti di Venezia, presso l’Atelier di Pittura del professor Carlo Di Raco, conseguendo la Laurea di I livello nel 2006 e la Laurea di II livello in Pittura nel 2009. Dal 2008 inizia una ricca attività espositiva, instaurando diverse collaborazioni con critici, curatori e giornalisti.

Tra le mostre principali: “Lo stato dell’arte” (54. Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, Padiglione Accademie, Tese di San Cristoforo – Arsenale, Venezia, 2011), “Dolomiti contemporanee” (Sospirolo, 2011; Taibon Agordino, 2012; Casso, 2013; Borca di Cadore, 2014), “Elisa Bertaglia” (MZ Gallery, Augsburg, 2014), “Bindwood” (Banca Sistema, Milano, 2015), “Arteam Cup” (Officina delle Zattere, Venezia, 2015; Palazzo del Monferrato, Alessandria, 2016). Nell’ambito di Arteam Cup 2016 si è aggiudicata il Premio Speciale Residenza Officine Saffi Milano. Vive e lavora a Rovigo.


– via: Art Vibes submission


Exhibition info: Elisa Bertaglia – Out of the blue, a cura di Matteo Galbiati.

When: 15 dicembre 2016 – 29 gennaio 2017. Inaugurazione: giovedì 15 dicembre, ore 19.00.
Where: Officine dell’Immagine di Milano, Via Atto Vannucci, 13, Milano.


Submit a Comment