Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | May 27, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Robert Doisneau - Fotografia umanista

Robert Doisneau – Fotografia umanista

| On 24, Feb 2017

La ricerca della bellezza nella spontaneità.

di Redazione Art Vibes


Picture: La baiser de l’Hôtel de Ville, Paris, 1950. © Atelier Robert Doisneau


People like my photos because they see in them what they would see if they stopped rushing about and took the time to enjoy the city…

Robert Doisneau


Le Baiser de l’Hôtel de Ville” (Il bacio dal Hôtel de Ville) è una famosa istantanea, realizzata da Robert Doisneau (1912-1994) di fronte ad un caffè nella strada parigina di rue de Rivoli, su commissione della rivista Life nel marzo 1950. La coppia che si bacia, una delle fotografie iconiche del 20°secolo, è diventata il simbolo di Parigi, elevando la capitale transalpina a “città dell’amore“.

Tuttavia, l’opera di Doisneau è molto più profonda e più complessa. Si compone di circa 350.000 fotografie. Ha lavorato come fotoreporter per importanti riviste come Vogue, Paris Match, Le Point e LIFE. L’esibizione in corso a Berlino, e in parallelo ad Aosta, offre uno spaccato del lavoro del fotografo con circa 100 immagini selezionate, la maggior parte delle quali catturate nel corso del 1940 e ’50. In mostra tutta la sua attitudine e il fascino per il normale, per la piccola borghesia, per la malinconia e la fragilità.

 

Robert Doisneau - Le remorqueur du Champs de Mars, Paris, 1943

Le remorqueur du Champs de Mars, Paris, 1943. © Atelier Robert Doisneau

Durante la prima metà del 20°secolo, Parigi fu una delle principali metropoli d’arte del mondo. La capitale francese attirò artisti da tutte le nazioni in quanto ambiente multiforme, ideale per catturare istantanee sensazionali. Artisti come Henri Cartier-Bresson, Brassaï, André Kertész, Martin Munkácsi, Germaine Krull, Robert Doisneau, sperimentarono nuove tecniche fotografiche legate ad un breve tempo di esposizione. La crescente invasione della vita pubblica nella sfera privata rese il privato, l’intimo e il personale, visivamente pubblico. Si sentì la necessità di adottare nuove misure di valore estetico, la ricerca della bellezza nella spontaneità diventò il nuovo cardine della fotografia.

Doisneau era solito vagare nel tempo libero dal centro alle periferie di Parigi con la sua Rolleiflex. Nei suoi giri fotografava facciate di edifici, ambienti interni, banchine, bambini dedite al gioco, passanti, coppie appena sposate, i suoi scatti rappresentano uno specchio degli aspetti più curiosi e delle differenti contraddizioni della società francese.
Viene considerato oggi uno dei capostipiti di quella corrente che prende il nome di “fotografia umanista”, una fotografia che guarda alle persone e al loro vivere quotidiano e che ancora oggi emoziona come allora.

 

Robert Doisneau - Hommages respectueux, Paris, 1952

Hommages respectueux, Paris, 1952. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - La marieé Chez Gégène, Paris, 1946

Robert Doisneau – La marieé Chez Gégène, Paris, 1946. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - Le plongeur du Pont d'Iéna, Paris, 1945

Le plongeur du Pont d’Iéna, Paris, 1945. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - Les 20 ans de Josette, Paris, 1947

Les 20 ans de Josette, Paris, 1947. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - Mademoiselle Anita, Paris, 1951

Mademoiselle Anita, Paris, 1951. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - La Dernière valse du 14 juillet, Paris 1949

La Dernière valse du 14 juillet, Paris 1949. © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau - La diagonale des marches, Paris, 1953

La diagonale des marches, Paris, 1953. © Atelier Robert Doisneau

– photo credits: © Atelier Robert Doisneau


Exhibition info:


When: fino al 5 Marzo 2017.
Where: Martin-Gropius-Bau Berlin, Niederkirchnerstraße 7, 10963 Berlino.


When: fino al 1 Maggio 2017.
Where: Forte di Bard, Aosta.

Submit a Comment