Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Art Vibes | December 11, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

PRIMULE - Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri

PRIMULE – Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri

| On 27, Set 2018

Fragilità, forza, bellezza: un dialogo artistico per delineare una suggestiva visione della realtà femminile.

di Redazione Art Vibes


Primule vuole essere un racconto.
Primule è Louisa May Alcott, Alda Merini, Rupi Kaur. È tutto ciò̀ che ci accomuna e a volte ci allontana.
È un dialogo, fatto di fotografia, scrittura e pittura.
Primule è Diane Arbus e Jane Austen. È fragilità, forza e bellezza.
Vuole essere un racconto fatto di simbologie femminili, di crepe e macchie, di animo e pelle.
Vuole essere un racconto delicato,
che ti porta a pensare all’infanzia
e
ai fiori che racchiudono il tuo giardino.


Primule nasce a Genova, davanti ad una birra e una coca-cola zero, nel 2016 dalle fotografe Silvia Mazzella e Benedetta Boveri. Entrambe indagano sulla figura della donna: dalla sua bellezza incorniciata dai dettagli del viso, dalle crepe del suo corpo e dalla sua fragilità.

Il nome Primule nasce dal fiore che sboccia per annunciare la primavera che si collega alla figura della Venere nel Botticelli: il mantello rosso che porge alla dea è decorato con primule, rose e rametti di mirto. Primule diventa il nome della ricerca che raffigura la nascita della donna, nell’età adulta, quando si mette a confronto con se stessa e il mondo che la circonda. L’intento del progetto è quello di unire due fotografie per creare un percorso sulla donna attraverso vari mezzi come: Fotografia, Pittura, Scrittura.

Due giovani fotografe, due visioni sulla donna a confronto, per creare una suggestiva visione della realtà femminile, con tutte le sue simbologie e caratteristiche.
Primule vuole essere un dialogo aperto al pubblico, un diario d’infanzia, di perdita e di rinascita.

 

PRIMULE - Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri
PRIMULE – Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri.

La giovane curatrice Virginia Lupo e Sofia Torre, giornalista freelance, hanno accompagnato Primule con i loro testi. Giovanissime e caparbie hanno interpretato Primule con due stili differenti e coinvolgenti. Da una parte lo spettatore è accompagnato alla visione delle immagini dall’altro è invitato a riflettere su alcuni concetti come nel testo ‘Il diritto di essere una donna che dà fastidio’ di Sofia Torre.

Per rendere la mostra più dinamica e partecipativa, si è deciso di dedicare uno spazio del progetto alla libera interpretazione. Abbiamo selezionato 9 autori che hanno realizzato la propria visione Primule. Dal dipinto ad olio a quello ad acquarello, dalla fotografia sperimentale alle parole scritte nero su bianco. Ogni mezzo ha lo stesso valore e la stessa valenza. Gli autori hanno affrontato il tema della femminilità, riflettendo sull’identità legata all’eredità famigliare e culturale, al taboo, all’iconografia greca, alle osservazioni più intime che prendono forma in maniera sfrontata, delicata e realistica.

Autori: Andy Mcfly, Arianna Maestrale, Caterina Lorenzetti, Caterina Scolari, Chiara De Maria, ERRESULLALUNA + ChuliPaquin, Jessica Morichi, Martina Nai Fovino e Tatiana Minelli.
Durante l’esposizione sarà possibile visionare e acquistare il catalogo Primule in 30 copie limitate e firmate dalle autrici.

 

PRIMULE - Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri. Siamo opere incomprese, 8x7cm inkjet print on natural white paper 190gr 20x15 with black pen, 2018.
PRIMULE – Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri. Siamo opere incomprese, 8x7cm inkjet print on natural white paper 190gr 20×15 with black pen, 2018.

– via: Art Vbes submission – images courtesy of: salaDOGANA


Exhibition info: PRIMULE – Fotografie di Silvia Mazzella e Benedetta Boveri. A cura di Silvia Mazzella. Coordinamento: Virginia Lupo. Testi: Virginia Lupo, Sofia Torre, Silvia Mazzella.

When: 4 – 21 Ottobre 2018. Inaugurazione: Giovedì 4 ottobre h.18:00.
Where: salaDOGANA, Palazzo Ducale, Genova.


Submit a Comment